BITCOIN IN ITALIANO


Che cos'è

La prima rete decentralizzata di pagamento peer-to-peer, gestita dai suoi utenti senza alcuna autorità centrale o intermediari.

Bitcoin è intrinsecamente difficile da descrivere. È una cosa totalmente nuova, e qualsiasi tentativo di fare un paragone con concetti precedenti, sia che si tratti di chiamarlo oro digitale o internet del denaro, è destinato a fallire. Qualunque sia la tua analogia preferita, due aspetti di Bitcoin sono assolutamente essenziali: decentralizzazione e immutabilità.

Un modo di pensare a Bitcoin è come ad un contratto sociale automatizzato. Il software è solo un pezzo del puzzle e sperare di cambiare Bitcoin cambiando il software è un esercizio futile. Bisognerebbe convincere il resto della rete ad adottare i cambiamenti, che è più uno sforzo psicologico che uno di ingegneria del software.

In generale, l'avanzamento della tecnologia sembra rendere le cose più abbondanti. Sempre più persone possono godere di quelli che in precedenza erano stati beni di lusso. Come scrisse Peter Diamandis in Abundance: “La tecnologia è un meccanismo di liberazione delle risorse. Può rendere ciò che era scarso abbondante."

Bitcoin, una tecnologia avanzata in sé, interrompe questa tendenza e crea un nuovo prodotto che è veramente scarso. Alcuni sostengono addirittura che sia una delle cose più scarse dell'universo. L'ammontare masssmo possibile (21 milioni di bitcoin) non può essere inflazionato, indipendentemente dallo sforzo sostenuto per cercare di farlo.

Paradossalmente, lo fa tramite un meccanismo di copia. Le transazioni vengono trasmesse, i blocchi vengono propagati, il registro distribuito (ledger) è - beh, hai indovinato - distribuito. Bitcoin si replica su quanti più computer possibile, incentivando le singole persone ad eseguire un full node ed a minare nuovi blocchi.

Tutta questa duplicazione lavora meravigliosamente insieme in uno sforzo concertato per produrre scarsità. In un periodo di abbondanza, Bitcoin ci ha insegnato cos'è la vera scarsità.

Bitcoin è il primo oggetto digitale che non può essere copiato, duplicato o contraffatto. Questi sono i principali attributi che gli conferiscono un valore unico. Bitcoin è la prima risorsa digitale scarsa conosciuta dall'umanità ed è governata esclusivamente dalle leggi della matematica e dalla crittografia.

Ogni bitcoin è minato (cioè viene alla luce) da un cosiddetto blocco. Un blocco è composta da 1MB di informazione che tiene traccia di tutte le transazioni avvenute in un certo periodo di tempo. Un nuovo blocco viene generato circa ogni 10 minuti.

La rete Bitcoin ha continuato a generare blocchi, ininterrottamente, fin dal suo avvento. Il primo blocco (genesis block) fu generato il 3 Gennaio 2009 e la ricomprensa (reward) per averlo minato era pari a 50 bitcoins (BTC). Ogni blocco successivo ha avuto la stessa ricompensa, ma ogni 210.000 blocchi generarti ha luogo un evento chiamato halving che riduce, della metà, la ricomprensa distribuita ai minatori da quel momento in avanti.

In altre parole dal blocco 210.000 in avanti la ricomprensa si dimezza a 25 BTC, dal blocco 420.000 in avanti si dimezza a 12.5 BTC, e così via. Dato che i blocchi vengono generati ogni 10 minuti, questo evento (halving) ha luogo ogni 35.000 ore cioè quasi esattamente 4 anni.

Il prossimo halving, atteso al blocco 840.000, è previsto a Marzo 2024 - la ricompensa verrà dimezzata a 3.125 BTC.

Importanza degli Halving

Gli halving continueranno ad avere luogo fino a quando la ricompensa per i minatori non raggiungerà 0 BTC. Siccome Bitcoin può essere suddiviso in 8 cifre decimali, dopo il 33mo halving, il valore della ricompensa sarà precisamente 0 BTC.
Attualmente siamo vivendo la 4a era di halving delle 33 totali.

33 eventi di halving ogni 4 anni fanno in totale 132 anni. L'ultimo Bitcoin sarà dato alla luce nell'anno 2140. Sarà il 21 millionesimo ed ultimo bitcoin a poter essere generato, dopodichè sarà impossibile crearne altri. Da quel momento in avanti, bitcoin diverrà veramente deflazionario, dato che sarà stata raggiunta la massima emissione possbile.

Inoltre se i proprietari di bitcoin continueranno a perdere le loro chiavi private, come troppo spesso ancora accade, si avrebbe un'ulteriore deflazione pari al numero di bitcoin controllati da ogni chiave privata persa. Praticamente un regalo a coloro che invece gestiscono correttamente le proprie chiavi private.

In definitiva gli halving riducono l'emissione di bitcoin nel tempo rendendolo, ogni volta, una risorsa sempre più scarsa e di conseguenza sempre più preziosa. Pensate a questo: cosa succederebbe al prezzo dell'oro se da domani se ne potesse produrre solo la metà rispetto a oggi ? E tra 4 anni la metà della metà rispetto a oggi ? Ovviamente il suo valore crescerebbe.