BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


Bitcoin è Uno per tutti

Traduzione dell'originale di Nic Carter - Pubblicato il 27 ago 2020
grazie a @Wastedtime per l'opera di traduzione

Alla Convention Nazionale Democratica (agosto 2020), la deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha descritto la campagna presidenziale di Bernie Sanders come "un movimento che si rende conto dell'insostenibile brutalità di un'economia che premia le disuguaglianze di ricchezza per pochi a scapito della stabilità a lungo termine per molti". Che l'attuale sistema economico stia funzionando molto bene per pochi a scapito dei molti è diventato più ampiamente riconosciuto e accettato da entrambi i lati della corsia politica negli ultimi anni. Anche se c'è un forte disaccordo sulla soluzione appropriata, la maggior parte di loro è d'accordo almeno sul fatto che c'è un problema. Fortunatamente o sfortunatamente, non c'è una soluzione politica a un problema che è intrinsecamente di origine economica. È un peccato perché i politici di tutte le ideologie faranno promesse di grandezza, dividendo ulteriormente la nazione, mentre cercano disperatamente una soluzione politica che non esiste. Allo stesso tempo, è una fortuna che la soluzione non sia politica, perché colmare le divisioni di parte si è storicamente dimostrato un'impresa folle.

Senza dubbio, la struttura economica è spezzata. I divari di ricchezza non fanno che aumentare, è insostenibile e l'instabilità economica è ovunque. Il mercato azionario e i valori medi nazionali sono tornati ai massimi storici, mentre decine di milioni di americani sono in cerca di disoccupazione e metà della società non ha praticamente risparmi. Le equazioni economiche non quadrano. Questa è una realtà difficile da negare; sta soffocando molti e si applica a livello globale. I politici semplicemente non sono la risposta. Il problema fondamentale dell'attuale struttura economica non è la politica, ma le valute che coordinano l'attività economica (per esempio il dollaro, l'euro, lo yen, il peso, il bolivar, ecc.). La crepa nella corazza è nelle fondamenta. Nessun politico può risolvere i problemi che derivano da difetti strutturali inerenti alla moneta moderna. Una volta che le fondamenta sono fissate, allora le soluzioni alle sfide di ordine superiore possono seguire l'esempio, ma fino ad allora, ogni sforzo continuerà a rivelarsi inefficace.

Una moneta è il fondamento di un'economia perché coordina tutte le attività economiche. Se un'economia è funzionalmente in crisi, sarebbe più appropriato dire che la moneta sottostante non coordina efficacemente l'attività economica; la moneta è l'input e l'economia è l'output. In breve, il pomo della discordia è la moneta. Mentre molti sono concentrati su come risolvere il problema dell'enorme disuguaglianza di ricchezza, pochissimi collegano che la maggiore fonte di disuguaglianza sta nello strumento che tutti utilizzano per coordinare l'intera orchestra. Non è solo che l'economia non funziona per molti; è che il dollaro (o l'euro, lo yen, ecc.) come meccanismo primario di coordinamento delle risorse economiche sta fallendo per tutti. Lo squilibrio economico e le crescenti disuguaglianze sono la nuova normalità, ma non c'è nulla di naturale in uno squilibrio economico sostenuto. In realtà, è un ossimoro economico. L'equilibrio è fondamentale per il funzionamento di qualsiasi economia e, quando funziona correttamente, un'economia eliminerebbe naturalmente lo squilibrio nel suo corso normale. Se un'economia non riesce a farlo, e permette invece di sostenere lo squilibrio, ciò è la prova di una struttura economica spezzata. Ma il massiccio e crescente squilibrio economico che esiste oggi non è la conseguenza inevitabile e ineluttabile del capitalismo del libero mercato, ma è principalmente il risultato della politica monetaria della banca centrale, che permette di sostenere gli squilibri economici in modi che altrimenti non sarebbero possibili.

La politica monetaria della banca centrale è la forza esogena che crea una massiccia distorsione economica e livelli estremi di disuguaglianza. La mera esistenza di disuguaglianze economiche non è di per sé una disuguaglianza; infatti, i risultati disuguali sono naturali e del tutto coerenti con l'equilibrio economico. D'altra parte, la disuguaglianza che è stata creata ed esacerbata da un sistema monetario imperfetto è una disuguaglianza, e non è naturale in un'economia di libero mercato. È esogena. Il difetto strutturale inerente al sistema monetario del dollaro (o di qualsiasi sistema monetario fiat) è la forza più responsabile di uno squilibrio economico sostenuto. Da questo squilibrio deriva una disparità insostenibile ed estrema di ricchezza. Ogni altra azione o politica economica distorsiva esiste a ordini superiori rispetto alle questioni create dalla manipolazione del denaro stesso. Questa è la radice di tutti i problemi economici strutturali, e fino a quando non sarà risolta, il mondo rimarrà sospeso in uno stato sempre più fragile. Il sistema monetario ereditato centralizza e consolida la ricchezza; questo è il risultato di sostenere ed esacerbare lo squilibrio economico. È un sistema che funziona per pochi nel breve termine ma che fallisce per tutti nel lungo periodo perché il gioco finale della manipolazione monetaria e di uno squilibrio economico sempre crescente è l'instabilità. La capacità della moneta di coordinare l'attività economica si degrada gradualmente e alla fine fallisce completamente; tutti pagano questo inevitabile prezzo.

Il bitcoin è l'opposto. È una moneta che funziona per tutti, ora e in futuro. Elimina lo squilibrio come funzione naturale, ovunque e non appena appare, perché il suo approvvigionamento non può essere manipolato. Con un'offerta fissa limitata a 21 milioni e una curva di adozione sempre crescente, sempre più persone possiedono il bitcoin, e ogni persona controlla una quota sempre più piccola della stessa torta fissa. La proprietà della moneta diventa naturalmente più distribuita e meno concentrata nel tempo, il che fornisce le basi per un maggiore equilibrio. Il bitcoin livella il campo di gioco e fa sì che il sistema monetario non possa essere esso stesso fonte di estrema iniquità. Lo fa garantendo alcuni diritti inalienabili. Ad ogni detentore della moneta viene fornita la garanzia che non si producano arbitrariamente più unità di moneta e che ogni unità di moneta sia trattata allo stesso modo all'interno della rete. Bitcoin coordina più efficacemente l'attività economica perché il suo meccanismo di determinazione dei prezzi non può essere distorto o manipolato da forze esogene, che è il difetto fatale del sistema monetario ereditario. Un'offerta fissa, una protezione uguale e segnali di prezzo reali offrono un maggiore equilibrio. Bitcoin fissa le basi economiche per tutti in modo tale che tutto il resto può poi cominciare a fissarsi.

Il ruolo del denaro e il sistema dei prezzi

Come costrutto semplificato, pensate al denaro come alla funzione di coordinamento all'interno di un'economia. L'utilità del denaro è quella di intermediare una serie di scambi. Ricevere, tenere, spendere (h/t @pierrerochard), così semplice. Il denaro è il bene intermediario usato sia per stabilire che per scambiare valore. Quando il mercato converge su una forma comune di denaro, emerge un sistema di prezzi che permette di misurare più oggettivamente il concetto soggettivo di valore. Il denaro è il meccanismo di determinazione del prezzo e il risultato è un sistema di determinazione del prezzo. Il sistema dei prezzi comunica informazioni; aggrega le preferenze individuali all'interno di un'economia e comunica tali preferenze attraverso i prezzi locali, misurati in un mezzo monetario comune. La variazione dei prezzi riflette le variazioni delle preferenze.

Perché le preferenze cambiano sempre, così come i prezzi. All'interno di un'economia sviluppata, ci sono milioni di beni, ognuno con prezzi individuali che danno luogo a miliardi di segnali di prezzo relativi. I segnali di prezzo relativo comunicano in ultima analisi i rapporti di scambio tra le varie combinazioni di beni. Mentre il valore di ogni singolo bene può essere statico per un certo periodo di tempo, alcuni prezzi cambiano sempre all'interno di un'economia, il che significa che i prezzi relativi sono in continua evoluzione. Un'economia lavora costantemente per trovare un equilibrio attraverso le variazioni aggregate dei livelli dei prezzi. Chiunque, e chiunque all'interno di un'economia, reagisce ai segnali di prezzo più rilevanti per le proprie preferenze, che naturalmente cambiano e diventano dinamicamente influenzati dal cambiamento dei prezzi stessi. Attraverso il sistema dei prezzi, i singoli partecipanti al mercato imparano sia ciò che gli altri apprezzano sia ciò che devono produrre per soddisfare le proprie esigenze. Mentre i prezzi cambiano, i comportamenti cambiano e tutti si adattano. Il sistema dei prezzi è la mano visibile che permette di raggiungere l'equilibrio e di identificare ed eliminare gli squilibri. La stabilità economica a lungo termine è raggiunta perché l'informazione variabile è costantemente comunicata attraverso il sistema dei prezzi. È la fluttuazione dei prezzi inerente ai mercati non distorti che impedisce attivamente il formarsi di squilibri sistemici e su larga scala.

Difetti del mandato della Banca Centrale

Le fondamenta dell'economia sono spezzate perché il denaro che coordina l'attività economica è attivamente manipolato. La maggior parte delle banche centrali, compresa la Fed, hanno l'autorità di creare denaro arbitrariamente senza alcun costo e hanno il mandato di mantenere prezzi stabili (cioè un mandato di stabilità dei prezzi). Questa combinazione è fatale per il funzionamento di qualsiasi meccanismo di prezzo e, in ultima analisi, per l'economia sottostante. Quando una banca centrale mira alla stabilità di qualsiasi livello di prezzo, in realtà lavora in opposizione al corso naturale di un'economia che cerca di trovare un equilibrio e di adattarsi a un cambiamento delle preferenze attraverso il sistema dei prezzi. Peggio ancora, il mezzo con cui una banca centrale lavora per raggiungere la stabilità dei prezzi è la manipolazione della massa monetaria, che distorce l'intero meccanismo dei prezzi alla base dell'economia. Con ogni tentativo esogeno di raggiungere la stabilità dei prezzi, la banca centrale permette attivamente di sostenere gli squilibri e distribuisce cattive informazioni ad ogni persona all'interno dell'economia attraverso falsi segnali di prezzo, che a loro volta causano l'aumento di ulteriori squilibri. Immaginate che questo accada ogni volta che l'economia cerca di trovare un equilibrio. Sostenendo lo squilibrio, coloro che hanno beneficiato principalmente dell'esistenza dello squilibrio sono continuamente avvantaggiati a spese di tutti gli altri.

Peggiorato, esso impedisce attivamente la capacità di coloro che si trovano all'estremità inferiore dello spettro economico di contribuire e di comandare una quota maggiore delle risorse all'interno di un'economia. I prezzi artificialmente gonfiati dei beni creano una battaglia in salita per coloro che non possiedono beni, e i falsi segnali inducono decisioni economiche sbagliate, danneggiando in modo sproporzionato i più bassi dello spettro economico che possono permettersi meno errori e battute d'arresto. Segnali economici falsi e distorti, creati attraverso la manipolazione della massa monetaria, sono controproducenti per tutti nel lungo periodo, ma nel breve termine vanno a beneficio di coloro a cui lo squilibrio è positivamente deviato.

Ad esempio, quando il valore degli immobili era in calo durante la crisi finanziaria del 2008, il meccanismo dei prezzi dell'economia comunicava l'esistenza di uno squilibrio. Nel complesso, gli operatori del mercato comunicavano una domanda crescente di denaro rispetto alla domanda decrescente di immobili. In quel particolare momento, l'effettiva quantità di denaro e l'offerta di immobili disponibili non stavano cambiando rapidamente. Al contrario, le preferenze all'interno dell'economia si stavano spostando, così come i segnali dei prezzi relativi. Piuttosto che permettere all'economia di trovare un equilibrio e di eliminare gli squilibri, la Fed ha aumentato l'offerta di dollari nel tentativo di "stabilizzare" il valore in dollari degli immobili. Più letteralmente, ha creato 1,7 trilioni di dollari e ha usato quei dollari appena coniati per acquistare titoli garantiti da ipoteca come mezzo diretto per sostenere il valore degli immobili. Coloro che possedevano beni immobili (ad es. abitazioni) o che gestivano aziende che si occupavano della produzione (o del finanziamento) di immobili ne hanno beneficiato in modo sproporzionato a spese di coloro che non lo facevano. Il beneficio è stato sproporzionato rispetto allo squilibrio esistente, come sempre accade quando lo squilibrio viene sostenuto artificialmente.

La Fed non solo ha manipolato il valore degli immobili, ma ha anche manipolato e distorto tutti i segnali di prezzo all'interno dell'economia aumentando significativamente la massa monetaria. La funzione del mercato per eliminare lo squilibrio sarebbe stata quella di far cambiare i prezzi. La soluzione della Fed è stata quella opposta. Essa svalutava il denaro (aumentandone l'offerta), in modo tale che il valore degli immobili (tra gli altri beni) come prezzo in dollari cambiasse il meno possibile. Piuttosto che eliminare lo squilibrio, le azioni della Fed hanno permesso di sostenere gli squilibri e di farli crescere. Una volta che si apprezza il ruolo fondamentale che il denaro e il meccanismo dei prezzi svolgono nel coordinamento dell'attività economica, diventa chiaro come il giorno che sostenere lo squilibrio è proprio ciò che accade ogni volta che la Fed interviene per stabilizzare i livelli dei prezzi. La stabilità, se raggiunta attraverso la manipolazione, sopprime semplicemente la volatilità. Crea un'innaturale rigidità dei prezzi, quando la fluttuazione dei prezzi è sia uno stato desiderato che la funzione naturale di un mercato che comunica i cambiamenti delle preferenze. Quando gli squilibri che altrimenti verrebbero eliminati possono essere sostenuti con mezzi artificiali e per lunghi periodi di tempo, alla fine si crea una maggiore volatilità nel lungo periodo e si compromette criticamente la capacità di un mezzo monetario di coordinare l'attività economica, che è la sua singolare utilità. Ogni volta e cumulativamente, essa avvantaggia e ingloba ulteriormente gli operatori storici, proprio come il mercato sta lavorando per eliminare lo squilibrio.

Manipolando i livelli dei prezzi, la Fed non si limita ad impedire che piccoli incendi intermittenti si propaghino in modo naturale, ma crea anche incendi più grandi lungo la strada. Pensate invece alle azioni della Fed come al piromane che accende un fuoco, esce dalla porta sul retro nel cuore della notte, e poi viene celebrato come l'eroe quando arriva dalla porta principale per combattere il fuoco con la benzina. Una variazione del livello dei prezzi, anche se particolarmente volatile, non è un incendio da spegnere. Impedire artificialmente le variazioni di prezzo, alias un mandato di stabilità dei prezzi, è ciò che accende il fuoco in primo luogo. La Fed coopta l'intera catena del valore del meccanismo dei prezzi. Il cambiamento di prezzo è in realtà desiderato e la banca centrale lavora in opposizione a tale cambiamento manipolando la massa monetaria. La formazione di squilibri all'interno di un'economia è naturale; creare un meccanismo centralizzato che impedisca l'eliminazione degli squilibri è la parte innaturale e dannosa. Crea anche instabilità economica a lungo termine, distorcendo i segnali dei prezzi nel corso dei decenni e amplia il divario di ricchezza, facendo avanzare costantemente coloro che si trovano sul lato destro dello squilibrio. In modo prevedibile e non ironico, l'esistenza del mandato di stabilità dei prezzi della banca centrale, combinato con il potere di stampare moneta, causa sia instabilità a lungo termine che squilibri economici sostenuti.

La maggior parte dei professori di economia mainstream concorderebbero facilmente sul fatto che la fissazione dei prezzi o la fissazione di quote su alcuni beni economici crea naturalmente inefficienza e squilibrio economico. Tuttavia, la stessa coorte di esperti si ribalterebbe e difenderebbe avidamente la politica monetaria della banca centrale, senza rendersi conto della fondamentale incoerenza. La manipolazione economica è manipolazione economica. La rigidità del prezzo o della quantità di qualsiasi bene economico spinto da forze esogene determina uno squilibrio; la varianza permette l'equilibrio e l'equilibrio. Molto logico e non controverso. Perché allora lo stesso non si capisce quando viene applicato al denaro? Gli squilibri si creano quando le banche centrali mirano ai tassi di interesse attraverso la manipolazione dell'offerta di denaro, così come si creano squilibri quando il governo venezuelano fissa arbitrariamente il prezzo di un gallone di gas al di sotto del suo valore di mercato. Ironia della sorte, la manipolazione dell'offerta di moneta è economicamente più distruttiva perché distorce tutti i prezzi all'interno di un'economia, e tutti i segnali di prezzo relativi, dato che i singoli livelli di prezzo non si adeguano in modo adeguato (anzi, tutt'altro). Quando la Fed persegue il suo mandato di stabilità dei prezzi, sta attivamente inviando falsi segnali di prezzo in tutta l'economia e sta causando squilibri nelle strutture della domanda e dell'offerta da sostenere. La stabilità dei prezzi è una manipolazione dei prezzi, ed è perfettamente prevedibile che quando il prezzo del denaro viene manipolato per raggiungere una qualsiasi definizione di stabilità, l'azione stessa provoca un grado di distorsione economica molto peggiore della manipolazione di qualsiasi mercato unico.

Conseguenze del mantenimento dello squilibrio

Gli effetti del sostegno allo squilibrio possono essere meglio compresi e osservati attraverso il sistema creditizio perché è lì che la Fed interviene direttamente e di conseguenza dove esiste la maggiore distorsione e lo squilibrio. Mentre l'economia rallenta e i livelli dei prezzi cominciano a cambiare in controtendenza rispetto al corso desiderato dalla Fed, quest'ultima aumenta l'offerta di dollari nel sistema finanziario acquistando strumenti di debito (tipicamente le tesorerie governative) e accreditando i conti dei venditori con dollari appena coniati. All'inizio, il sistema creditizio era solo uno strumento per attuare la politica monetaria; era il meccanismo attraverso il quale la Fed perseguiva la stabilità dei prezzi. Aumentare l'offerta di dollari acquistando strumenti di credito, ridurre i tassi di interesse con lo stesso meccanismo, indurre l'espansione economica attraverso il credito a basso costo e far stabilizzare i livelli generali dei prezzi. Questa era la teoria e l'intento. Tuttavia, prevedibilmente, questo modello ha causato la formazione e il mantenimento di squilibri nel sistema creditizio stesso. Ora la coda scodinzola. Oggi, il sistema del credito negli Stati Uniti è pari a 77,9 trilioni di dollari, mentre ci sono solo 4,5 trilioni di dollari effettivi all'interno del sistema bancario. Per ogni dollaro esistente, esistono circa 17 dollari di debito denominato in dollari (debito-dollari di 17:1). Anche in questo caso si tratta di uno squilibrio reso possibile e sostenuto solo in funzione della Fed. Ogni volta che il sistema di credito tenta di contrarre, la Fed crea più dollari per aiutare a mantenere la dimensione del sistema di credito, in modo che possa espandersi ulteriormente. Poiché il sistema del credito è ora di ordini di grandezza più grandi della massa monetaria di base, l'attività economica oggi è in gran parte coordinata dall'allocazione e dall'espansione del credito piuttosto che dalla moneta di base stessa. In aggregato, il sistema del credito è il regolatore dei prezzi marginali, data la sua dimensione rispetto alla massa monetaria di base. A causa del suo mandato di stabilità dei prezzi, la Fed ha il mandato implicito di mantenere la dimensione del sistema creditizio e, per farlo, deve mirare a prezzi di attività che sostengano i livelli di debito esistenti. È diventata circolare. La Fed ha usato il sistema del credito come strumento per stabilizzare i livelli dei prezzi, ma ora deve mantenere le dimensioni del sistema del credito per mantenere i prezzi stabili.

Questo circolo vizioso è stato reso possibile solo perché la Fed ha il controllo unilaterale della massa monetaria. Nel 1971 il presidente Nixon pose ufficialmente fine alla convertibilità del dollaro in oro, e il governo americano disaccoppiò il valore del dollaro dall'oro nel 1976. Mentre la creazione della Federal Reserve nel 1913 fu l'inizio e l'ordine esecutivo del presidente Roosevelt nel 1933 che vietava la proprietà privata dell'oro mise le basi, il completo abbandono dell'oro come ancora monetaria negli anni Settanta rimosse i vincoli che altrimenti impedivano la vera centralizzazione della massa monetaria, e che alla fine permisero la grande inflazione monetaria di cui Paul Tudor Jones ha recentemente scritto. Una volta rimossi gli ultimi vincoli, ha aperto alla Fed la possibilità di assumere un ruolo più centrale nella gestione attiva dell'economia attraverso la massa monetaria, che in ultima analisi si ripercuote sul sistema creditizio. Come diretta conseguenza, la massa monetaria di base e il sistema creditizio si sono espansi in modi che altrimenti non sarebbero stati possibili, permettendo agli squilibri di crescere costantemente nel tempo e creando distorsioni economiche a lungo termine.

Quando emergono squilibri nel sistema del credito (cioè un debito eccessivo), la Fed fornisce più dollari in modo che i livelli di debito esistenti possano essere sostenuti. Piuttosto che cancellare i crediti inesigibili e ridurre i livelli di debito esistenti, gli squilibri sono attivamente sostenuti piuttosto che eliminati. Questa è la vera ragione per cui il settore bancario e la funzione del credito sono diventati così grandi come sono diventati; non sarebbe stato possibile se la Fed non fosse stata in grado di stampare denaro per sostenere artificialmente livelli di debito insostenibili, il tutto nell'interesse della "stabilità dei prezzi". In effetti, ogni volta che il settore bancario si contrarrebbe altrimenti, la Fed adotta misure per prevenirlo attivamente. Sembra pazzesco perché lo è, ma esiste così perché il sistema del credito è il principale meccanismo di trasmissione della politica monetaria della Fed. La Fed ha bisogno che il sistema del credito sia mantenuto perché è attraverso questo veicolo che la Fed cerca di "gestire" l'economia. La Fed ritiene che l'orientamento dei prezzi delle attività per sostenere i livelli del debito sia meno perturbante che permettere la ristrutturazione e la cancellazione del debito. Agli occhi della Fed, è sei da una parte, una mezza dozzina dall'altra; in effetti è la stessa cosa, ma con meno disgregazione. In realtà, una via è la manipolazione economica della peggior specie, e l'altra è il naturale e organico bilanciamento di un'economia in squilibrio. La Fed sceglie la prima, scambiando la stabilità a breve termine per l'instabilità e la distorsione a lungo termine.

Mentre dovrebbe essere ovvio che il prezzo degli asset che mira a favorire coloro che hanno asset (ricchi) ed è una tassa regressiva su coloro che non hanno asset (poveri), la Fed ha il suo mandato di stabilità dei prezzi. Per coloro che si trovano all'estremità inferiore dello spettro economico con poco o nessun risparmio, la liquidità rappresenta naturalmente la maggior parte, se non la totalità, dei propri risparmi. D'altra parte, coloro che si trovano all'estremità superiore dello spettro economico in genere detengono liquidità in aggiunta al capitale proprio nelle imprese, nel settore immobiliare e in attività finanziarie, come azioni e obbligazioni. Anche in questo caso, si consideri la crisi finanziaria del 2008. Ci sono stati squilibri sia nel mercato immobiliare che in quello finanziario; i prezzi all'interno di questi mercati erano a livelli insostenibili. Mentre lo squilibrio veniva eliminato e i livelli dei prezzi si correggevano, la Fed è intervenuta per "stabilizzare" i prezzi delle attività. Immaginate di essere una persona appena entrata nell'economia, senza risparmi, o di non potervi permettere di acquistare una casa e probabilmente di non possedere azioni o obbligazioni. Tutti coloro che possedevano beni sono stati salvati a spese di chi non li possedeva, tutto nell'interesse della stabilità dei prezzi.

Aumentando l'offerta di dollari per sostenere i prezzi dei beni, ogni dollaro diventa naturalmente meno prezioso. Per i più bassi dello spettro economico, i salari pagati in dollari (lavoro) sono stati svalutati e i prezzi delle attività sono stati direttamente manipolati al rialzo. L'inflazione della maggior parte dei beni di consumo è stata ampiamente seguita. È l'equivalente di essere colpiti da entrambe le parti. I salari acquistano sempre meno giorno per giorno e diventa sempre più difficile accumulare la quantità di risparmio necessaria per l'acquisto di beni. Inizialmente, gli effetti sono al massimo a somma zero. Quelli in alto ne beneficiano, quelli in basso ne soffrono. Alla fine, tutti perdono perché il gioco finale è l'instabilità economica. Notate la correlazione negativa che segue tra i prezzi delle abitazioni e l'accessibilità economica delle abitazioni, e poi riconoscete che i prezzi delle abitazioni sono attivamente manipolati dalla Fed. Riconoscete anche che i prezzi delle abitazioni sono ai massimi storici (al di sopra dei livelli della bolla del 2007), quando quasi la metà del paese non ha risparmi. Questa equazione esiste solo in un mondo manipolato, e schiaccia chi non ha risparmi.

Gli economisti che gestiscono lo show e quelli che ne beneficiano di più saranno d'accordo sul fatto che deve essere fatto (ogni volta); la storia è scritta dai vincitori ma è ancora tutto fumo e niente arrosto.

"Certo, è stato un esperimento folle, ma la Fed non aveva altra scelta. Immaginate tutti coloro che si trovano nella fascia bassa dello spettro e che avrebbero perso il lavoro se non fosse stato per le azioni della Fed. Senza un lavoro, i più poveri dello spettro economico sarebbero stati molto più poveri e non avrebbero potuto permettersi una casa".

Almeno, questa è la difesa comune e prevedibile. La stessa linea è stata certamente usata per difendere le più recenti azioni della Fed in risposta alla pandemia globale (stampando 3.000 miliardi di dollari con una T). Anche se può sembrare una logica, è un aneddoto che manca di qualsiasi argomento economico fondamentale in difesa della manipolazione dei livelli di prezzo. La narrazione si trova in un circolo vizioso che inizia con lo squilibrio economico come punto di partenza (e creato da decenni della stessa politica monetaria distorsiva). Ricordiamo il ruolo di piromane acclamato come un eroe che combatte il fuoco. Non si può uscire da una buca continuando a scavare nella stessa direzione. A un livello fondamentale, manipolare i livelli dei prezzi permette di sostenere squilibri che altrimenti sarebbero corretti. Vantaggia in modo sproporzionato coloro che hanno contribuito e beneficiato maggiormente dell'esistenza stessa dello squilibrio - come avere la propria torta e mangiarla, o come avere un secondo morso alla mela. Coloro che si sono salvati più direttamente hanno corso un rischio sconsigliabile e, invece di essere penalizzati, il mondo dello squilibrio è sostenuto. I vantaggi derivanti da strutture di incentivazione manipolate possono continuare in un modo che non sarebbe possibile senza le decisioni politiche della Fed.

Una struttura economica non manipolata

Anche se non c'è mai un equilibrio perfetto, l'esistenza e la fluttuazione dei livelli dei prezzi è il modo in cui un'economia lavora verso l'equilibrio per tentativi ed errori. Ogni individuo reagisce a una serie di segnali di prezzo in continua evoluzione. È il modo in cui le persone valutano quali imprese creare, quali competenze acquisire e quali posti di lavoro perseguire, tutti elementi che sono interdipendenti dagli interessi e dalle capacità di ogni individuo. Gli squilibri possono naturalmente sorgere all'interno di un'economia quando gli individui speculano e investono eccessivamente in determinati segmenti sulla base di aspettative imperfette delle preferenze dei consumatori. Questa è la natura della prova e dell'errore. Nessuno sa o può prevedere il futuro; essi usano i segnali dei prezzi per guidare al meglio le decisioni. Un'azienda o un individuo produce un bene per X e cerca di venderlo per Y, e se non esiste una domanda sufficiente per rendere l'attività redditizia, cioè il mercato comunica informazioni al produttore. La prossima volta andrà meglio; costruirlo per meno o costruire qualcos'altro che abbia un valore maggiore o che sia apprezzato da più persone. Gli squilibri vengono eliminati. Chi si è assunto il rischio ne ha le conseguenze, e si torna al tavolo da disegno in un gioco senza fine che mira a coniugare le idee e le competenze individuali con le preferenze degli altri partecipanti al mercato.

"I prezzi e i profitti sono tutto ciò di cui la maggior parte dei produttori ha bisogno per poter soddisfare le esigenze di uomini che non conoscono. Sono strumenti di ricerca - così come, per il soldato o il cacciatore o il marinaio, il telescopio amplia il campo visivo". - Friedrich Hayek

Il denaro è lo strumento che viene utilizzato per coordinare le risorse e per testare il mercato per tentativi ed errori; diventa la linfa vitale di un'economia perché è il fondamento di un sistema di prezzi. È il modo in cui l'informazione viene distribuita a tutti i partecipanti. Migliore è il denaro, più affidabile è il suo sistema di prezzi. E più affidabile è il sistema dei prezzi, maggiore è l'equilibrio in un'economia. Quelli all'interno di un'economia che forniscono il maggior valore al maggior numero di persone sono naturalmente ricompensati con il maggior numero di soldi, ma il denaro avrebbe poco valore per il produttore se gli altri non producessero beni che essi stessi apprezzano. Il sistema non si sosterrebbe da solo se non esistesse l'equilibrio; per acquistare un bene o un servizio da un altro individuo, bisogna prima di tutto aver guadagnato denaro. Acquistare denaro fornendo volontariamente un servizio valutato da altri è un risultato di gran lunga migliore per tutti, nel complesso, rispetto a quello che si otterrebbe se il denaro venisse acquistato con qualsiasi altro mezzo. È così perché è l'unico modo per far sì che il ciclo sia ripetibile e simbiotico piuttosto che una tantum e a somma zero. A cosa serve un cliente che finisce i soldi o che non ne ha affatto? In un'economia equilibrata, ogni produttore è cliente di qualcun altro e viceversa.

"Date a un uomo un pesce e lo nutrirete per un giorno; insegnategli a pescare e lo nutrirete per tutta la vita".

Non c'è bisogno di essere religiosi per capire la saggezza. Ogni individuo trae vantaggio dal fatto di avere un numero maggiore di persone che producono più beni o servizi, e tutti sono incentivati a produrre una produzione valorizzata dagli altri all'interno di un'economia. Ognuno ha un interesse egoistico sia nel fornire valore agli altri, sia nell'aiutare gli altri a dare valore in cambio. Ma non si tratta solo di una visione ingenua o speranzosa del mondo economico; ci sono evidenti vantaggi per il commercio, la specializzazione e, in ultima analisi, in una più ampia gamma di scelta per tutti gli individui, che organicamente detta una divisione del lavoro. Il denaro coordina la divisione del lavoro, e la forma di denaro con il meccanismo dei prezzi più affidabile fornirà costantemente il massimo valore con la più ampia gamma di scelta ed equilibrio. Il meccanismo di determinazione del prezzo con la minima distorsione fornisce i segnali più chiari su ciò che gli altri apprezzano e, di conseguenza, fornisce la massima garanzia che le informazioni comunicate non siano un segnale falso. La funzione non distorta di un mezzo monetario e del suo sistema di prezzi è ciò che assicura l'eliminazione dello squilibrio; è il governatore che permette di ripristinare l'equilibrio e di scoprire continuamente relazioni simbiotiche in un processo costante di tentativi ed errori.

Una struttura economica manipolata e malfunzionanate

La politica monetaria della Fed impedisce attivamente all'economia di ristrutturarsi e di trovare un equilibrio. Gli sforzi per mantenere la stabilità dei prezzi quando esiste uno squilibrio equivalgono a mantenere segnali di prezzo altrimenti falsi. Le attività produttive rimangono nelle mani di pochi e il mondo rimane sospeso in uno stato di squilibrio. Il denaro che si fa strada verso coloro che si trovano all'estremità inferiore dello spettro alla fine trova la via del ritorno verso coloro che controllano gli asset produttivi come una trappola d'acciaio, perché gli squilibri strutturali non vengono mai fissati. Al contrario, il processo di guarigione naturale è inceppato quando interviene la Fed. La struttura dell'economia non può far circolare il denaro in modo sostenibile in modo simbiotico perché l'equilibrio non esiste; le competenze e le preferenze dei partecipanti al mercato non sono allineate. La Fed che pompa denaro in un'economia strutturalmente disgregata è come dare un pesce a un uomo e nutrirlo per un giorno, impedendogli allo stesso tempo di imparare a pescare sostenendo falsi segnali. L'esistenza di segnali di squilibrio indica che la composizione di un'economia non soddisfa le esigenze dei partecipanti che compongono il mercato. O piuttosto, che i beni e gli individui che catturano la parte del leone della ricchezza non continuerebbero a farlo se si permettesse all'economia di ristrutturarsi.

La struttura economica della Fed produce disuguaglianza impedendo il riequilibrio degli squilibri. Questo è ciò che il mercato cerca di fare ogni volta che la Fed interviene per mantenere vivo il sogno. Dando tutti i benefici del dubbio, la Fed crede di essere d'aiuto. Il punto di partenza della teoria economica della Fed è che la gestione attiva della massa monetaria è una forza trainante positiva. Questo è nel suo DNA. Non è messa in discussione o dibattuta. Vede le sue attività come un'attenuazione dei segnali del mercato piuttosto che come una manipolazione. La domanda per tutti coloro che sono dentro le quattro mura della Fed è quanto e quando manipolare la massa monetaria, non se. Qualcuno si aspetterebbe che la Fed sia un onesto valutatore delle sue azioni? Sarebbe come classificare il proprio test; nessuno si aspetterebbe ragionevolmente una valutazione obiettiva perché non ci può essere obiettività. Alcune false ipotesi sono codificate nel loro cervello come vere e ciò impedisce la possibilità di obiettività. Si cercano ovunque le risposte, ma nello specchio, e provano le stesse politiche più e più volte, aspettandosi sempre un risultato diverso.

"La disuguaglianza è qualcosa che ci accompagna sempre più da oltre quarant'anni, non è realmente legata alla politica monetaria. È più legata a [balbettare] ci sono molte teorie su ciò che la causa, ma è qualcosa che sta salendo in modo più o meno costante da più di quattro decenni e ci sono molte teorie diverse, una delle quali è proprio che la globalizzazione e la tecnologia richiedono livelli crescenti di competenze e attitudini e di istruzione e che il livello di istruzione degli Stati Uniti si è appiattito, certamente in relazione ai nostri coetanei, in quel periodo[.]".
Jay Powell, Presidente della Federal Reserve (giugno 2020)

Il Presidente della Fed Powell ha recentemente fornito questo come risposta ad una domanda che chiedeva se la politica della Fed contribuisca ad aumentare la disuguaglianza di ricchezza. Si noti come la risposta non sia un'argomentazione sul perché la politica della banca centrale non causi squilibri e disuguaglianze. È più un pronunciamento seguito da una difesa "guarda là". Non bisogna mai credere ai miti sulla globalizzazione e sulla tecnologia che guidano la disuguaglianza della ricchezza. Non c'è niente nella tecnologia, nell'innovazione e nella globalizzazione che causi uno squilibrio economico sostenuto o un divario di ricchezza strutturalmente in espansione all'interno di un'economia. Perché l'innovazione sia preziosa, per definizione deve risolvere problemi per una serie di persone, ma se coloro che la valorizzano non hanno denaro o mezzi per permettersi l'innovazione, non ha valore. Il valore diventa autoreferenziale in questo senso. L'equilibrio economico è un input di governo del valore. Per credere ai racconti altisonanti della tecnologia e della globalizzazione che causano squilibri economici, si dovrebbe essere volontariamente ciechi di fronte all'impatto della centralizzazione della massa monetaria, che a sua volta ha fatto sì che il settore bancario diventasse l'epicentro e la linfa vitale dell'economia, e che ha reso possibile sostenere attivamente lo squilibrio per decenni come decisione politica. Possono esserci molte teorie, ma la manipolazione di ogni segnale di prezzo all'interno dell'economia è il punto di partenza per lo squilibrio e l'iniquità economica; è il difetto strutturale delle fondamenta che crea il terreno di gioco non paritario, al quale si aggiungono tutti gli altri fattori che contribuiscono.

Se A, allora B; se non A, allora non B

Il denaro è il fondamento dei sistemi economici. La comprensione del ruolo fondamentale e fondamentale che il denaro gioca nel motore economico stabilisce la connessione logica tra le questioni economiche sistemiche di squilibrio e la manipolazione artificiale dell'offerta di moneta. Naturalmente, ci sono altri fattori in gioco. L'offerta di moneta non è l'unico modo in cui l'attività economica viene manipolata. La politica fiscale, la spesa pubblica e l'apparato normativo contribuiscono tutti. Ma, concentrandosi lì, sarebbe come cercare di riparare le finestre del centesimo piano, quando gli ultimi dieci piani sono sostenuti ciascuno da un unico blocco Jenga. Questo è il rapporto tra le questioni inerenti al sistema monetario (la fondazione) e tutte le altre questioni economiche (livelli più alti). Il problema centrale che bitcoin risolve è il fondamento. Se tutti mostrassero un po' di umiltà, ognuno riconoscerebbe che non c'è una pallottola d'argento per risolvere il problema strutturale di un crescente divario di ricchezza e squilibrio economico. Non c'è nessun individuo con un piano o una legislazione che renda tutto migliore. Lo squilibrio creato dal comando centrale non si risolve con il comando centrale. Al contrario. L'unica vera speranza è quella di fissare prima le fondamenta, in modo che tutti in rete possano tornare a fare le cose desiderabili senza bisogno di un controllo cosciente. L'equilibrio seguirà da lì.

"Ma coloro che chiedono a gran voce una "direzione cosciente" - e che non possono credere che tutto ciò che si è evoluto senza progettazione (e anche senza la nostra comprensione) dovrebbe risolvere problemi che non dovremmo essere in grado di risolvere consapevolmente - dovrebbero ricordarsene: Il problema è proprio come estendere la portata del nostro utilizzo delle risorse oltre la portata del controllo di una qualsiasi mente; e quindi, come fare a meno del bisogno di un controllo cosciente, e come fornire incentivi che facciano fare agli individui le cose desiderabili senza che nessuno debba dir loro cosa fare".
- Hayek, Uso della conoscenza nella società

Con un'offerta fissa di 21 milioni, applicata su base decentrata e non controllata da nessuno, la bitcoin ha tolto la capacità di manipolare completamente la funzione monetaria. Se i bambini che si comportano male non riescono a trovare un modo per condividere un giocattolo e giocare bene, cosa si fa? Si toglie il giocattolo e si mettono i bambini nella cassetta delle penalità. Questo è un po' come il rapporto tra bitcoin e le banche centrali. Non ci si può fidare di nessun essere umano (o istituzione) per quanto riguarda il controllo della massa monetaria, quindi l'unica soluzione pratica è togliere la capacità e la tentazione tutti insieme. L'unica costante del bitcoin è la sua offerta fissa; ci saranno sempre e solo 21 milioni di bitcoin, e nessuno può farci niente. Tutto cambierà intorno al bitcoin, ma la sua fornitura come costante diventerà sempre più la colonna portante da cui si misurano tutte le altre attività. Esso garantisce la parità di condizioni e rappresenta una fonte di verità, che è assente nella struttura economica esistente. Perché il suo approvvigionamento non può essere manipolato, e nemmeno il suo segnale di prezzo. Segnali di prezzo non distorti comunicano informazioni più perfette. Ma mai confondere informazioni più perfette e condizioni di parità con la stabilità dei prezzi o la questione della volatilità. Se il valore del bitcoin è di 12.000 dollari oggi e di 10.000 dollari domani, questa è la comunicazione non distorta delle informazioni.

"Variazione" è informazione. Quando non c'è variazione, non c'è informazione. [...] Non c'è libertà senza rumore e stabilità senza volatilità".
- Taleb & Blyth, Affari esteri, numero di maggio/giugno 2011

Un'offerta fissa assicura che qualsiasi variazione di prezzo sia esclusivamente guidata da un cambiamento della domanda piuttosto che da un cambiamento artificiale e i mprevedibile dell'offerta di denaro (cioè comunicare un cambiamento delle preferenze all'intera economia). Essa elimina un intero lato dell'equazione, che oggi influenza pesantemente i cambiamenti dei prezzi e che distorce la comunicazione delle preferenze. Immaginate di sapere con assoluta certezza che ogni cambiamento di prezzo è stato dettato da un cambiamento delle preferenze dei consumatori piuttosto che dagli effetti di aumenti o diminuzioni della massa monetaria. Questa è la differenza tra il potersi costantemente affidare a segnali di prezzo economici reali e il giocare a sedie musicali sapendo che qualcun altro ha il controllo dello stereo. Oggi e in futuro, lo stesso principio rimarrà valido. Tutti potranno fare affidamento e confidare nel fatto che i cambiamenti nel sistema dei prezzi di Bitcoin saranno sempre veri e non saranno mai influenzati da cambiamenti imprevedibili dell'offerta.

Questa differenza fondamentale tra la struttura monetaria esistente e il bitcoin cambia l'intero gioco. Falsi segnali di prezzo contro veri segnali di prezzo. I falsi segnali di prezzo equivalgono a credere di avere un foglio di imbrogli per un test, ad allenarsi sulla base di queste informazioni e poi a presentarsi solo per scoprire che il test era completamente diverso. Tutti credono di rispondere ai veri segnali di prezzo, non rendendosi conto che le informazioni comunicate sarebbero fondamentalmente diverse se il denaro non fosse stato manipolato. Ogni volta che si verifica uno shock violento all'interno del sistema, tutti ricevono l'indizio che i segnali di prezzo stavano comunicando informazioni errate, ma poi la Fed interviene per stabilizzare i prezzi e tutti si rassicurano sul fatto che va bene tornare fuori a giocare, affidandosi agli stessi segnali negativi. La ragione principale per cui è possibile uno shock violento al sistema è che questo processo si è verificato ogni volta che l'economia ha tentato di riequilibrare strutturalmente il sistema negli ultimi 50 anni. I cattivi segnali cercano di correggere, solo per essere sostenuti ed esacerbati da forze esogene. Con una massa monetaria fissa, questo errore è permanentemente corretto. Non sarà più possibile sostenere lo squilibrio. Finché esiste il bitcoin, il mezzo monetario non sarà in grado di distribuire segnali di prezzo distorti. C'è una differenza tra giusto, sbagliato e vero. I veri segnali di prezzo si limitano a garantire che le informazioni comunicate riflettano le preferenze individuali e aggregate di un'economia. In questo senso, non c'è giusto o sbagliato, a patto che le informazioni siano ragionevolmente affidabili come accurate e non distorte. Nessuno deve fidarsi o mettere in dubbio la veridicità dei segnali di prezzo di Bitcoin perché la sua fornitura fissa lo garantirà.

E nessuno ha più bisogno di capire come si gioca a un gioco truccato perché quel gioco sta finendo. I giorni dell'iniquità monetaria saranno presto passati, poiché il bitcoin distribuisce in tutto il mondo. Si sposterà l'equilibrio di potere di nuovo verso coloro che effettivamente creano valore, come definito dai veri segnali di prezzo, che vengono comunicati dagli individui che detengono la moneta. Mettendo da parte le tasse e la cattura regolamentare per un momento, se uno vuole acquistare il bitcoin, dovrà fornire valore in cambio, e il bitcoin diventerà l'arbitro di quel valore. Su 21 milioni, circa 18,5 milioni di bitcoin sono già in circolazione. I 18,5 milioni di bitcoin in circolazione sono tutti detenuti da qualche individuo o entità. Per poterne acquistare uno, il bitcoin deve essere guadagnato consegnando il valore a coloro che detengono la valuta. Anche per coloro che non sono ancora in circolazione, ogni singola bitcoin deve essere guadagnata apportando valore. Lo stesso non vale per l'attuale sistema monetario. Nella struttura attuale, il dollaro può essere guadagnato o fornendo valore ad altri all'interno dell'economia, o al contrario, se la Fed decide di distribuire più denaro. E questo accade abbastanza frequentemente. Di tutti i dollari che esistono oggi, oltre l'80% è stato creato e stanziato dalla Fed dal 2008 (link alla fonte), piuttosto che dall'alternativa - fornire valore ad altri all'interno dell'economia. Quale sistema suona più equo, equilibrato e favorevole all'allineamento degli incentivi in tutta l'economia nel corso di decenni e generazioni?

Con l'aumento del numero di persone che adottano il bitcoin, la moneta viene trasferita da quelle che hanno a quelle che non hanno. Rendendo la somma nominale del bitcoin a somma zero, si assicura che il sistema economico non sia a somma zero. Per entrare a far parte dell'economia, è necessario fornire valore a qualcuno all'interno della rete. Nessuna perdita di valore al di fuori del sistema; nessuna inefficienza può essere introdotta attraverso la produzione di denaro. Sia che i nuovi entranti entrino nella rete o che il commercio avvenga dall'interno, il valore viene sempre trasferito, e attraverso questo trasferimento, il valore viene effettivamente creato. Ricordiamo che la funzione preziosa del denaro è quella di coordinare l'attività economica. La produzione di denaro, d'altra parte, non produce alcun valore e serve solo a distorcere e compromettere la capacità di un mezzo monetario di funzionare correttamente. La quantità nominale di denaro non è importante. Ciò che è importante è la sua capacità di comunicare informazioni accurate ad un ampio insieme di partecipanti economici.

Per questo motivo le persone chiedono denaro, e con un tasso di cambio terminale impostato a zero, ogni partecipante può usare il bitcoin per comprendere al meglio il valore della propria produzione rispetto a quella degli altri e rispetto alle preferenze degli altri, senza essere falsato da eventuali variazioni della massa monetaria. Ogni persona può prendere decisioni migliori (in media) nel perseguimento del proprio interesse, fornendo per definizione valore agli altri come mezzo per raggiungere tale obiettivo. Una quantità fissa di moneta più un numero maggiore di persone che la valuta equivale a una maggiore distribuzione della moneta. Con un'offerta fissa, non si possono salvare più di 21 milioni di bitcoin e, paradossalmente, questo cambiamento nella struttura degli incentivi farà risparmiare più persone. Introducendo un incentivo al risparmio (cioè un'offerta fissa), più persone risparmieranno. E poiché più persone risparmiano in una moneta che ha un'offerta fissa, ne consegue che sempre più persone ne possiedono sempre meno ma, grazie a questa funzione di risparmio di più persone, si crea una maggiore stabilità. Mentre il controllo centralizzato dell'offerta di moneta e la capacità di sostenere gli squilibri fa sì che la ricchezza si consolidi, un'offerta fissa di moneta fa sì che la moneta diventi più decentrata e più distribuita, offrendo un maggiore equilibrio.

La governance centralizzata dell'offerta di moneta permette di consolidare la distribuzione man mano che si creano nuove unità della moneta e si sostiene lo squilibrio; mentre un modello di governance decentrata che impone un'offerta fissa assicura che la distribuzione della moneta diventi sempre più grande nel tempo. La struttura della moneta determina l'effetto opposto, e l'andamento può essere visto nei dati reali. Il bitcoin detenuto in tagli minori continua a crescere costantemente, mentre il bitcoin detenuto in tagli maggiori continua a diminuire. Con la crescita della moneta e del sistema economico, la moneta diventa più ampiamente distribuita. Invece di consolidarsi, la moneta si distribuisce ad un numero maggiore di persone, e l'importo nominale detenuto da ciascuna diminuisce, mentre il potere d'acquisto aumenta. Man mano che un numero maggiore di persone richiede la moneta, il suo valore aumenta. Tuttavia, c'è un'offerta fissa a termine. Poiché gli aumenti della domanda superano naturalmente gli aumenti dell'offerta, c'è un modo principale per acquisire bitcoin: fornire valore ad un possessore esistente della moneta. La valuta si trasferisce da relativamente pochi detentori precoci ad una base più distribuita in funzione del tempo. Tutti vincono; l'utilità della rete aumenta con l'adesione volontaria di un maggior numero di partecipanti e la distribuzione della valuta diventa sempre meno concentrata, garantendo un maggiore equilibrio e riducendo i rischi sistemici creati dall'esistenza di pochi detentori estremamente grandi.

Quando gli incentivi di un mezzo monetario allineano sia gli interessi individuali che quelli aggregati, i risultati non a somma zero diventano il default, così come l'equilibrio. Il Bitcoin è accessibile a chiunque, e tutti coloro che scelgono di usarlo hanno le stesse protezioni. Chiunque produca valore e lo scambi con il bitcoin ha la garanzia che la sua produzione non sarà svalutata in futuro solo in funzione di qualcuno in una terra lontana che crea nuove unità di denaro. Separatamente, a tutti è assicurato il beneficio di segnali di prezzo non distorti. Nel bitcoin, ricchi e poveri ricevono queste stesse protezioni in egual misura. Non è una garanzia che qualcun altro valuti di più o di meno la moneta, ma elimina la possibilità di una involontaria e forzata svalutazione forzata del lavoro e della produzione immagazzinata in un mezzo monetario, che distorce l'attività economica e crea falsi segnali di prezzo. Quando si presenta questa opportunità rispetto alla certezza del risultato peggiore, diventa una scelta chiara. Rispetto all'attuale struttura economica in cui i più ricchi comprendono meglio gli effetti dello svilimento monetario attivo e sono meglio equipaggiati per combatterlo e sfruttarlo, c'è una realtà che chi si trova nella fascia bassa dello spettro economico ha più da guadagnare livellando il campo di gioco. Anche in questo caso, non si tratta di ricchi e poveri. Tutti beneficiano dell'eliminazione della produzione di moneta e di un'economia che fornisce un maggiore equilibrio attraverso la comunicazione di informazioni più perfette.

In un tweet del 2018, il fondatore dell'Ethereum (Vitalik Buterin) ha descritto in maniera bella e ironica il potere di tenere una moneta con un'alimentazione fissa che non può essere manipolata, mentre in realtà sostiene il contrario. Entrambi hanno fatto la precisa argomentazione che i banchieri centrali usano per difendere le loro azioni, articolando al contempo il potere che esso avrebbe posto nel detentore di una moneta con un'alimentazione fissa. Mentre Buterin ritiene oligarchico avere il diritto immutabile di possedere una percentuale fissa di tutto il denaro del mondo a tempo indeterminato, e se tale diritto fosse esteso alle persone più povere della terra? E se fosse applicato allo stesso modo ad ogni singola persona sulla terra? Questo è il potere del bitcoin. Se si vive in uno dei paesi più poveri dell'emisfero occidentale, come il Nicaragua, e si sceglie di scambiare il proprio valore con il bitcoin, si ha ora il diritto immutabile di possedere una percentuale fissa di tutto il denaro del mondo a tempo indeterminato. Solo tu puoi decidere quando, come e a chi trasferirla per il valore ricevuto in futuro. I più poveri del Nicaragua sono improvvisamente elevati allo stesso livello di un miliardario di New York come Paul Tudor Jones. All'interno della rete bitcoin non c'è distinzione. La parità di diritti è il difetto. Questo non può e non esiste nel sistema finanziario ereditato. È infinitamente più oligarchico svalutare indiscriminatamente i risparmi monetari di qualcuno aumentando l'offerta di denaro e allo stesso tempo determinare a chi quel nuovo denaro debba essere "ricompensato". Non ci può essere paragone tra quel mondo e permettere a coloro che guadagnano denaro onestamente producendo valore per gli altri di determinare il modo migliore per destinarlo al valore restituito in futuro.

L'idea che il bitcoin potrebbe risolvere i problemi oggi per i ceppi ricchi e poveri non pochi. La maggior parte considera il bitcoin un bene speculativo, e molti guarderanno alla sua volatilità e crederanno che non sia adatto a persone senza un livello di risparmio che ci si potrebbe permettere di perdere. Questa visione è per fortuna del tutto sbagliata ed economicamente non supportata. È facile guardare a un disastro economico come quello del Venezuela, dove la stragrande maggioranza delle persone sta lottando per soddisfare bisogni molto elementari e crede che un accesso affidabile al cibo, all'acqua, all'energia e all'assistenza sanitaria sia più importante dell'"acquisto" di bitcoin. Tuttavia, è più difficile ignorare che il crollo economico è stato causato da un deterioramento del denaro che in precedenza coordinava l'attività economica e che l'unica soluzione a lungo termine per ricostruirlo è quella di utilizzare una forma di denaro che assolva meglio alla funzione di coordinamento. Un accesso affidabile al cibo, all'acqua, all'energia e all'assistenza sanitaria non esiste senza l'uso del denaro per coordinare le risorse. Nel ricostruire un'economia su un nuovo mezzo monetario, qualcuno deve andare per primo, e solo perché è difficile da immaginare, non cambia la realtà che è l'unica via d'uscita. Un'azione ne fa scattare un'altra. E un'altra e un'altra ancora. Che si tratti del Venezuela, di qualsiasi altro Paese che soffra di un rapido deterioramento economico, o di qualsiasi area del mondo sviluppato colpita dalla povertà, il bisogno di assistenza è immediato, ma non c'è una soluzione rapida. Bitcoin non può rimuovere un dittatore socialista, non può togliere i cleptocrati dalla cleptocrazia, non può invertire la dannosa politica fiscale o i programmi sociali, e non può magicamente trasformare i poveri in ricchi o viceversa. Può, tuttavia, risolvere i problemi di oggi per chiunque sia abbastanza determinato da utilizzarlo, indipendentemente dal livello di povertà o dallo stato economico.

Non c'è ragione per cui una forma superiore di denaro svolga una funzione per alcuni e non per altri, indipendentemente dal patrimonio, dal livello di reddito o da qualsiasi altra ragione. È un circolo vizioso da spezzare, ma il punto di partenza per elevare qualsiasi individuo o società è trovare il modo di produrre più valore di quanto sia consumato o richiesto agli altri. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è utilizzare il denaro per scambiare valore e coordinare l'attività economica. Bitcoin non è solo uno strumento per i ricchi che diventerà utile ai poveri una volta che un numero sufficiente di ricchi lo avrà. Questo non ha senso. È l'opposto; è il modo migliore per livellare il campo di gioco, indipendentemente dal fatto che il percorso possa essere più difficile per alcuni che per altri. La domanda di denaro è quasi universale e, nel tempo, chiunque utilizzi la forma di denaro con le basi più solide e i segnali di prezzo più veri ne trarrà vantaggio. Mentre il dollaro (e le altre valute fiat) sono uno per pochi nel breve termine e tutti per nessuno nel lungo termine, il bitcoin è uno per tutti, ora e in futuro, perché fissa le basi economiche per tutti.

"Che sia a Roma, a Costantinopoli, a Firenze o a Venezia, la storia dimostra che un solido standard monetario è un prerequisito necessario per la fioritura umana, senza il quale la società si trova sull'orlo della barbarie e della distruzione".
- Saifedean Ammous, Bitcoin Standard

Le opinioni presentate sono espressamente mie e non di Unchained Capital o dei miei colleghi. Grazie a Phil Geiger, Will Cole e Robert Breedlove per la recensione e per aver fornito un prezioso feedback.

- Nic Carter