BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


La più geniale delle nostre idee

Traduzione dell'originale di Robert Breedlove - Pubblicato il 02 nov 2020

Le idee ambiscono all'umanità attraverso la storia. Un'idea nuova e utile è un'innovazione, che può andare a beneficio di tutti per sempre. Per questo è fondamentale costruire strutture socioeconomiche che favoriscano la creazione di nuove idee: la civiltà può avanzare solo in un flusso eterno di nuove conoscenze. Il libero scambio è il mezzo con cui massimizziamo l'ideazione e la sua manifestazione fisica: la creazione di ricchezza. Tutto ciò che ostacola il commercio, come la banca centrale, è (per definizione) un'idea terribile. Al contrario, tutti gli acceleranti del libero scambio, come il denaro, sono tra le idee più brillanti che abbiamo mai avuto.

Le idee guidano l'Economia

"Un mucchio di rocce cessa di essere tale quando qualcuno lo contempla con l'idea di una cattedrale in mente".
- Antoine De St-Exupery

Le idee sono all'origine di tutto ciò che diciamo, facciamo o realizziamo. Lo scopo di ogni economia è quello di generare e condividere idee utili attraverso il libero scambio (per realizzare ciò che gli economisti chiamano divisione del lavoro o specializzazione della conoscenza). La civiltà non emerge da un'attitudine alla variazione senza meta, ma piuttosto si plasma nell'immagine delle nostre idee, che esprimiamo attraverso l'azione per rifare la faccia della Terra. Idee migliori, o conoscenze più nitide, consentono all'umanità di sfruttare in modo più intelligente i doni della Terra per soddisfare i suoi desideri di gradi sempre più elevati in tempi sempre più brevi. Nello spazio ideologico la competizione è libera e feroce: solo le idee più utili sopravvivono alla prova del tempo. La conoscenza che ne deriva codifica i modelli d'azione che usiamo per incidere la nostra immaginazione nel mondo che ci circonda. Le idee vincenti sono scelte dal mercato, solo per essere ampiamente distribuite come ricchezze materiali, modi e morali più raffinati e arte più profonda. Le nostre vite sono vissute mettendo in pratica le nostre idee. Come diceva HG Wells:

"La storia umana è, in sostanza, una storia di idee".

O come elaborato da William Durant:

"La storia come laboratorio ricco di centomila esperimenti di economia, religione, letteratura, scienza e storia del governo, come le nostre radici e la nostra illuminazione, come la strada da cui siamo venuti e l'unica luce che può chiarire il presente e guidarci verso il futuro".

Dai nostri antenati scaturisce questo patrimonio civilizzatore di idee affinate attraverso il libero commercio ed espresso negli strumenti, nelle tecniche e nelle culture che creiamo per noi stessi. Man mano che commerciamo, le nostre idee diventano migliori, facendo diventare qualunque cosa diciamo, facciamo e produciamo più auto-soddisfacente. Considerate come il nostro linguaggio si è evoluto dai grugniti alle enunciazioni, o come i nostri comportamenti sono stati plasmati dalla cultura, o come le nostre tecnologie di trasporto sono passate dai carri agli aerei. Gli ingredienti sostanziali per tutti i miracoli moderni che ci circondano oggi sono sempre stati disponibili, ma prima della loro invenzione, ci mancavano semplicemente le idee necessarie per manifestarli. In qualità di generazione vivente responsabile dell'ideazione, il nostro obiettivo deve essere quello di forgiare le nostre idee in una forma più raffinata per i posteri: un obiettivo che raggiungiamo attraverso l'innovazione.

L'innovazione è semplicemente una riconfigurazione delle "materie prime" della natura indicizzandole alle nostre strutture di idee più utili. Detto diversamente: la creatività è prendere elementi noti e ricomporli secondo nuove conoscenze. Affinare la conoscenza per meglio soddisfarci richiede il fuoco delle collisioni ideologiche e degli attriti innati al commercio. Il commercio, quindi, è la "meta-idea" dell'umanità, l'idea generativa di tutte le nostre idee migliori. Meta (dal greco μετά, che significa "dopo" o "oltre") è un prefisso che significa più completo o trascendente: il commercio è un'idea per migliorare le idee. Presuppone che chiunque possa sapere qualcosa che gli altri non sanno, li incentiva a insegnare al resto di noi, e ci permette di capitalizzare tutte queste opportunità di apprendimento. Il commercio ci indica se siamo male informati nel perseguire un obiettivo, che può salvarci dal male, o aiutarci a raggiungerlo più facilmente. La generazione di ricchezza è inseparabile dall'ideazione: quanto più ne sappiamo, tanto più facilmente soddisferemo i nostri desideri (presenti e potenziali) attraverso l'innovazione e tanto più ricchezza otterremo. L'autore Matt Ridley cattura lo spirito di questo rapporto tra libero scambio e innovazione con queste parole:

"L'innovazione è figlia della libertà e genitore della prosperità".

Il capitalismo del libero mercato è un'idea che non ha eguali nella sua generazione di innovazione. Si è dimostrato il modello economico di maggior successo per l'espansione del commercio, dell'ideazione e della creazione di ricchezza nel XX secolo, nella disputa ideologica tra il capitalismo americano e il comunismo sovietico. Mal guidata da promesse utopiche, la Russia sovietica ha tentato di sostituire il motivo di profitto intrinseco al capitalismo americano con appelli alla fede e alla devozione nazionalistica, avvelenando così la fonte di apprendimento generata dal commercio. Sotto la mimetizzazione moralistica del comunismo ("da ciascuno secondo la propria capacità, a ciascuno secondo le proprie esigenze" era lo slogan marxista) sono state perpetrate alcune delle atrocità più raccapriccianti della storia. Ben presto nell'esperimento sovietico la produttività crollò, e milioni di persone morirono di fame o furono massacrate dallo Stato. Quando i governi giocano a fare Dio, le civiltà bruciano all'inferno. La Russia sovietica riscoprì ciò che il saggio Aristotele aveva avvertito secoli prima:

"Quando tutti possiedono tutto, nessuno si occupa di niente".

Il capitalismo americano ha superato il comunismo sovietico. Il capitalismo è un sistema socioeconomico fondato sui tre pilastri dei diritti di proprietà privata, dello stato di diritto e del denaro onesto. I diritti di proprietà privata rappresentano una relazione esclusiva tra gli individui e qualsiasi parte della natura che investono il loro tempo nella rimodulazione; diritti che possono poi scambiare con persone altrettanto sovrane. Lo stato di diritto è un meccanismo per risolvere in modo non violento le controversie sulla proprietà privata. Il denaro onesto è la proprietà privata che i processi di mercato senza ostacoli selezionano naturalmente come la più negoziabile. Poiché il capitalismo ottimizza il commercio, sostiene questa fonte generativa di nuove idee incentivando la cooperazione economica e la concorrenza (pacifica). In effetti, la stabilità delle regole è il fondamento della pace: con leggi fisse e semplici, gli operatori del mercato sono costretti a giocare bene il gioco per guadagnarsi da vivere onestamente. Come ha detto Bastiat:

"Quando le merci non attraversano i confini, lo faranno i soldati".

In senso elementare, il commercio è l'acqua che sostiene l'innovazione, e il suo flusso costante è fonte di pace. Il capitalismo è il "pozzo d'acqua" socioeconomico costruito per proteggere questa eterna sorgente ideologica del commercio di civiltà.

Il Supercomputer delle idee

"Le grandi menti discutono le idee. Le menti medie discutono gli eventi. Le menti piccole discutono le persone"
-Eleanor Roosevelt

Il denaro è uno strumento indispensabile per l'ideazione. Nel commercio, tutto è valutato in una certa proporzione di tutto il resto. Per esempio, un'automobile può valere 132 sedie, o una casa che vale 11 automobili. Il denaro è il mezzo attraverso il quale calcoliamo più facilmente questi rapporti di scambio: uno strumento che semplifica il commercio standardizzando la sua intermediazione. Come tutti gli strumenti, il denaro ci permette di ottenere maggiori risultati con meno sforzi, e gli strumenti che ci fanno risparmiare tempo sono la ricchezza. In particolare, il denaro ci permette di calcolare, negoziare ed eseguire gli scambi più rapidamente. Senza denaro, sarebbe necessario un costante ricalcolo di innumerevoli rapporti di scambio tra i diversi beni economici. Con il denaro, tutti i rapporti di scambio sono compressi in un unico numero - il prezzo di mercato espresso in denaro. In questo modo, il denaro è un accelerante per il commercio e (il suo gemello invisibile) l'ideazione. La standardizzazione di un solo denaro crea economie di scala nel commercio. Tale economicizzazione è ciò che spinge il mercato a coalizzarsi intorno ad un singolo denaro - come abbiamo visto con l'oro e (la sua precedente astrazione di valuta, e ora apparizione) con il dollaro USA:

Il denaro è il mezzo attraverso il quale gli operatori del mercato esprimono le loro idee, preferenze e valori. I sistemi di determinazione dei prezzi sono reti di telecomunicazione economiche che fanno eco e coordinano all'infinito l'azione del mercato, informando tutti in modo dinamico sulle operazioni di tutti gli altri. Per esempio, quando si acquista un'auto e si vende una casa, l'economia risponde in modo adattivo producendo più auto e meno case. Anche quando si acquista un'azione pubblica, si esprime l'idea che i flussi di cassa futuri previsti valgono più del prezzo attuale, e il mercato assorbe questa tesi quando si esegue l'operazione. I segnali di prezzo sono perennemente incentivi primari per garantire che le risorse siano allocate in conformità con l'attuale composizione aggregata delle preferenze dei partecipanti al mercato. Gli imprenditori che si impegnano nel commercio danno luogo a prezzi veritieri mentre si sforzano di comprare basso, vendere alto e servire l'uno all'altro in modo redditizio. Un vero mercato libero è un forum di scambio libero e volontario dove le idee competono, si combinano e si trasformano. Visto in questo modo, il libero mercato può essere considerato il sistema informatico distribuito per eccellenza - un nesso di coscienze guidato dall'azione umana e interconnesso dai prezzi.

Il denaro migliora l'estensibilità delle nostre menti. Pensare è un'espressione di razionalità: l'atto di confrontare tutti i fattori rilevanti con qualsiasi linea d'azione. Generando cognitivamente diversi aspetti e avatar rilevanti per ogni situazione, gli esseri umani creano aree di messa in scena mentale per l'azione futura. Come per la parola radice della razionalità - rapporto - il pensiero implica il contrasto di una cosa contro un'altra. Quando estendiamo il nostro pensiero al denaro, acquisiamo una visione della mente collettiva degli altri partecipanti al mercato attraverso i segnali di prezzo, che a loro volta sono espressione di razionalità: rapporti di scambio denominati in termini monetari. Consolidando la razionalità di tutti gli attori del mercato nel prezzo di mercato, l'ideazione esplode. In questo modo i liberi mercati sono supercomputer che generano idee. Ecco perché l'innovazione americana non ha rivali. L'umanità fa suo il mondo incanalando l'energia attraverso le linee di campo ideologico modellate nella sua mente estesa - il libero mercato.

I mercati liberi sono il pensiero libero

"La mente dell'uomo, una volta tesa da una nuova idea, non riacquista mai più le sue dimensioni originali"
- Oliver Wendell Holmes

Contrariamente a quanto si pensi, il denaro non è una creazione del governo. Il denaro è emergente, è semplicemente il bene più commerciabile in un dato mercato. Mentre le persone cercano di soddisfare i loro desideri attraverso il commercio, cercano costantemente di scambiare i loro beni con beni più commerciabili per avvicinarsi ad ottenere l'oggetto (o gli oggetti) che desiderano. Mentre questo processo si svolge, un certo bene guadagna la massima liquidità - sia esso sale, bestiame o oro - questo bene più scambiabile è (per definizione) il denaro. Il denaro, quindi, è un risultato inesorabile del libero scambio.

Con la convergenza dei mercati globali, si sono coalizzati intorno ai metalli preziosi come denaro grazie alle loro superiori proprietà monetarie di durabilità, divisibilità, portabilità, riconoscibilità e scarsità. L'oro - che eccelleva in tutti gli altri metalli nella scarsità - divenne la moneta dominante del mondo proprio perché la sua offerta era la meno mutevole. Le banche centrali alla fine hanno cooptato l'oro e ci hanno costruito sopra uno schema piramidale chiamato moneta fiat. Quando le banche centrali monopolizzarono il mercato del denaro, questo divenne non libero. Violare il capitalismo del libero mercato, come la Russia sovietica ha imparato a fatica, è una pessima idea, che contrasta con la naturale propensione umana al commercio, all'ideazione e alla generazione di ricchezza. Come Marco Aurelio poetizza la nostra capacità di collaborazione:

"Siamo nati per lavorare insieme come i piedi, le mani e gli occhi, come le due file di denti, superiori e inferiori. Ostacolare l'uno con l'altro è innaturale".

Chiaramente, ostacolare la capacità dei partecipanti al mercato di esprimere le proprie idee attraverso il commercio è una rottura delle "regole" del capitalismo. Tutti gli attriti sul libero scambio sono dissipativi sia per l'innovazione che per la creazione di ricchezza. Una vera società capitalista necessita di regole infrangibili del commercio come l'equo stato di diritto, i diritti di proprietà privata inviolabili e l'inarrestabile denaro onesto. In un sistema capitalistico così puro, gli individui non avrebbero modo di creare valore per se stessi se non quello di dare alla società ciò che vuole (anche se i suoi desideri non sono ancora articolati). Ma il nostro mondo eccessivamente regolamentato oggi è ben lontano da questo ideale.

Tutte le norme sono limitazioni alle forze del libero mercato che limitano l'ideazione e la sua manifestazione fisica: la creazione di ricchezza. L'espressione ultima della regolamentazione legale è la monopolizzazione, in cui ogni competizione pacifica è repressa attraverso la coercizione o la violenza. Nel mondo di oggi, il mercato del denaro non è un mercato libero, in quanto è forzatamente dominato dai cartelli delle banche centrali - monopoli legali che distorcono i prezzi, riducono il commercio e interrompono l'ideazione. A quanto si dice, la banca centrale era anche una componente chiave del comunismo sovietico - un monopolio bancario esclusivo di proprietà dello Stato è stata la quinta misura nel Manifesto di Marx del 1848 al Partito Comunista. Il vero capitalismo non è mai esistito, proprio perché le regole del denaro sono sempre state stravolte da interventisti che perseguono il proprio guadagno pecuniario in ogni mercato conosciuto dalla storia. Gli ostacoli giuridici eretti dai governi per isolare i monopoli delle banche centrali dal capitalismo del libero mercato sono molteplici. Tale artificio distrugge la responsabilità, l'ingegno e la virtù.

Con regole capitalistiche infrangibili, il "gioco" della macroeconomia imporrebbe all'umanità un principio organizzativo, incoraggiandoci a trovare modi migliori di dire, fare, o fare le cose scommettendo l'uno contro l'altro sul mercato, invece di mentire, rubare, o tassare. Quando le regole non possono essere infrante, il gioco è giusto, e le soddisfazioni del desiderio aumentano. Quando i "giocatori" dimostrano che si sbagliano l'un l'altro sul mercato, scoprendo e vendendo mezzi migliori per soddisfare i desideri, i guadagni di produttività che ne derivano si diffondono nella società attraverso il commercio. Un ambiente favorevole all'apprendimento continuo su larga scala viene coltivato attraverso il capitalismo. Detto in modo diverso: quando le idee competono liberamente, si crea più ricchezza - più spesso sotto forma di strumenti, servizi o conoscenze migliori. Mises descrive questo rapporto inestricabile tra ideazione e concorrenza di mercato nel suo capolavoro Human Action:

"Ma la concorrenza non significa che chiunque possa prosperare semplicemente imitando quello che fanno gli altri. Significa l'opportunità di servire i consumatori in modo migliore o meno costoso, senza essere vincolati da privilegi concessi a coloro i cui interessi acquisiti sono danneggiati dall'innovazione". Ciò di cui ha più bisogno un nuovo arrivato che vuole sfidare l'interesse delle vecchie imprese consolidate è il cervello e le idee. Se il suo progetto è in grado di soddisfare i bisogni più urgenti e insoddisfatti dei consumatori o di soddisfarli a un prezzo più basso rispetto ai loro vecchi fornitori, avrà successo nonostante la grandezza e il potere delle vecchie imprese".

Per usare il pensiero di Ray Dalio: i liberi mercati sono idee meritocratiche: reti commerciali non ostacolate che incentivano la coltivazione e l'infusione delle migliori idee nella civiltà. Implicito nella metaidea è il presupposto che l'innovazione può solo essere coltivata, non legiferata. Qui, l'ignoranza dei sostenitori del MMT che chiedono a gran voce "l'attivazione del capitale inattivo attraverso l'inflazione" si fa sentire: i proventi dei furti attraverso l'inflazione possono mobilitare persone e capitali, ma solo in modo non intelligente, perché ai burocrati mancano sia la responsabilità che la potenza di calcolo distribuita endogena al libero mercato, e solo fino a quando questa parassitizzazione del valore da parte dell'economia produttiva non lo ucciderà. In termini economici semplici: il libero mercato rende l'umanità più produttiva; i monopoli, o i mercati non liberi, rendono l'umanità meno produttiva. Inoltre, la condizione della nostra mente collettiva rispecchia da vicino lo stato del nostro denaro. Oggi pensiamo in dollari solo perché una volta erano riscattabili in oro. Le banche centrali hanno dirottato l'estensibilità monetaria delle nostre menti (la vecchia tattica "esca e scambio"), e corrotto la nostra capacità di percepire il mondo con chiarezza.

Le menti libere hanno bisogno di denaro liberamente selezionato. Abbracciando il paradigma del libero mercato nella totalità delle nostre azioni diventiamo più liberi di pensare, intelligenti e ricchi. Un altro modo di pensare il libero mercato è come un sistema di rilevazione e correzione degli errori: attraverso i prezzi, incentiva la scoperta e la risoluzione di desideri insoddisfatti (errori socioeconomici). L'inflazione indotta dalla banca centrale distorce questo sistema di correzione degli errori e causa l'aumento delle insoddisfazioni. Questa manipolazione del mercato è (apparentemente) giustificata dall'intenzionalità autoingannevole dei banchieri centrali di "gestire l'economia", come se un essere umano avesse mai gestito con successo un sistema complesso senza innescare una cascata di conseguenze indesiderate. La convinzione dell'utilità della loro conoscenza necessariamente limitata, in contrapposizione ai processi del libero mercato che rivitalizzano continuamente la conoscenza, è il nucleo nero della malevolenza delle banche centrali. Come ha brillantemente osservato John Milton, autore di Paradise Lost:

"Il male è la forza che crede che la sua conoscenza sia completa".

Le banche centrali potrebbero pentirsi semplicemente ammettendo questo gigantesco errore ideologico e permettendo al libero mercato di cancellare i suoi oltre 100 anni di errori. Questo sarebbe doloroso all'inizio, ma senza dubbio nell'interesse a lungo termine della civiltà, come un tossicodipendente che finalmente entra in riabilitazione. Ma l'arroganza e l'avidità impediranno quasi certamente un risultato così ideale. Per riassumere l'argomento: il libero mercato dei prezzi è un sistema di eliminazione degli errori, e la banca centrale migliora la sua capacità di individuare e correggere gli errori; agendo come se la sua conoscenza dei mercati fosse completa, la banca centrale è l'incarnazione del male - un'istituzione della tirannia economica così mal guidata come la Russia sovietica. Nella sfera ideologica, la libertà è tanto creativa quanto la tirannia è distruttiva.

La più grande idea della storia

"Un'idea è la salvezza per immaginazione".
- Frank Lloyd Wright

La quintessenza dell'idea di qualsiasi denaro è che sia i partecipanti presenti che i futuri partecipanti al mercato lo accetteranno liberamente nel commercio. La probabilità che un denaro venga accettato dal più ampio numero possibile di partner commerciali si basa in gran parte su come esso mantenga la sua scarsità nel tempo. Per massimizzare questa funzione di riserva di valore, un denaro deve essere resistente all'appropriazione indebita, sia che si tratti di inflazione, di contraffazione o di confisca (che sono tutti furti). Il denaro più resistente allo scambio involontario (alias furto) tende a diventare il mezzo di scambio volontario più adottato. In altre parole: nella libera concorrenza di mercato vince il denaro più a prova di furto. Coloro che erroneamente scelgono un denaro meno a prova di furto sono svantaggiati dai processi di mercato quando la loro ricchezza è compromessa dai ladri a causa dell'inflazione, della contraffazione o della confisca. Un altro modo per dirlo: gli operatori del mercato adottano il denaro che riduce al minimo la necessità di fidarsi l'uno dell'altro. Le banche centrali continuano ad accumulare oro perché si tratta di denaro che riduce al minimo la fiducia. La Bitcoin mostra qualità di minimizzazione della fiducia ancora maggiori ed è quindi dirompente per l'oro.

Il denaro è la migliore idea che abbiamo mai avuto, perché senza di esso, tutte le altre meravigliose idee generate dai mercati non esisterebbero. Come cosa più commerciabile, il denaro è la più alta istanziazione della nostra meta-idea, che ci offre una sfrenata opzionalità nello scambio di mercato. Come tecnologia, il denaro selezionato dal libero mercato massimizza sia la libertà umana che la cooperazione. Storicamente, l'oro ha ridotto gli incentivi alla violenza, perché era una forma di ricchezza più sicura del cibo, della terra e della maggior parte degli altri beni. In questo modo, l'oro ha fortemente limitato la portata dei beni per i quali vale la pena lottare, inducendo così una cooperazione sociale, un commercio e una generazione di ricchezza senza pari. Questo ha anche profonde implicazioni morali: quando il denaro è difficile da rubare, la società diventa un lavoro duro; quando è facile da rubare, la società va alla deriva verso la cleptocrazia. Permettetemi di esporre l'argomento in una sola frase: l'oro è stato il più grande strumento che abbiamo mai avuto per incentivare noi stessi a civilizzarci.

Se lo scopo dell'umanità è quello di costruire civiltà, allora la nostra idea più brillante è stata l'uso dell'oro come denaro.

Lo standard aureo globale ha migliorato il commercio (la nostra meta-idea) in modo minimizzato la fiducia e ha standardizzato il mondo in un unico protocollo monetario, massimizzando il risparmio di tempo nel commercio e nella creazione di ricchezza ad esso associata (due facce della stessa medaglia). Anche in questo caso, la creazione di ricchezza dipende assolutamente dall'ideazione: l'uso dell'oro come moneta ha portato il mondo a un'ineguagliabile fioritura di idee e innovazioni inedite, inaugurando un'era conosciuta colloquialmente sia come L'età dell'oro che come La Belle Époque:

Un'idea davvero brillante, ma tutt'altro che perfetta: poiché l'oro è fisico, è ancora vulnerabile ai furti; e poiché l'oro è pesante, le economie di scala legate al suo uso come denaro hanno portato alla centralizzazione della sua custodia nei caveau delle banche (poiché è più economico trattare in astrazioni cartacee dell'oro rispetto all'oro fisico). Un'istituzione anticapitalista, la banca centrale, si è insinuata intorno a queste riserve di oro centralizzato. Queste istituzioni ingannevoli e malvagie operano con flagrante disprezzo per i principi del capitalismo: le banche centrali sono al di sopra della legge, praticano la confisca perpetua dei beni privati attraverso l'inflazione e vendono il denaro più disonesto della storia. Tutti i modelli di business delle banche centrali dipendono in modo critico dalla divisibilità, dalla portabilità e dalla riconoscibilità dell'oro:

  1. Se l'oro fosse perfettamente divisibile, non ci sarebbe motivo di astrarlo in moneta cartacea
  2. Se l'oro fosse perfettamente portatile, sarebbe codificato come informazione e non ci sarebbe bisogno di affidarsi ai depositari bancari perché il regolamento finale potrebbe essere effettuato alla velocità della luce.
  3. Se l'oro fosse perfettamente riconoscibile, non ci sarebbe alcun guadagno economico dal "francobollo pubblico" delle monete nazionali, poiché chiunque potrebbe verificare istantaneamente la veridicità del denaro stesso.

In effetti, queste carenze tecnologiche dell'oro hanno formato la superficie d'attacco ripetutamente sfruttata dalle banche centrali. Fortunatamente per i cittadini del XXI secolo, il libero scambio - che è stato potenziato in modo esponenziale da Internet e dalle tecnologie digitali - ha generato un'idea ancora più brillante che promette la fine definitiva degli schemi di furto delle banche centrali.

La più grande idea di modernità

"C'è una cosa più forte di tutti gli eserciti del mondo, ed è un'idea di cui è giunto il tempo"
- Victor Hugo

L'America è stata fondata sui tre pilastri del libero mercato capitalistico: diritti di proprietà privata, stato di diritto e denaro onesto. La Costituzione americana autorizzava gli stati ad emettere moneta d'oro o d'argento, vietava l'imposta sul reddito e proibiva le banche centrali nazionali. Sfortunatamente, dopo il successo dell'implementazione della banca centrale americana (dopo due tentativi falliti), i diritti di proprietà privata, che sono alla base del capitalismo del libero mercato, sono diventati vulnerabili a violazioni illimitate attraverso l'inflazione. Un esempio di questo fallimento arrivò con la "Grande rapina dell'oro del 1933" (aka Executive Order 6102): un decreto incostituzionale e una palese violazione dei diritti di proprietà privata. Tutti i decreti governativi del fiat sono menzogne (compresa la moneta del fiat), perché la verità non deve mai essere forzata. Le forze del libero mercato puntano sempre sulla verità.

Bitcoin è la sintesi ideologica dell'oro e di internet; esemplifica perfettamente i tre pilastri del capitalismo del libero mercato che sottendono l'idea dell'America in una forma che non può essere pervertita da un decreto fiat. Poiché la sua massa monetaria non può essere modificata, i suoi detentori sono immuni alla confisca per inflazione, perfezionando così i loro diritti di proprietà privata (Pilastro 1). Le controversie all'interno della rete Bitcoin sono risolte consensualmente, ed è impraticabile usare la violenza nel tentativo di influenzare questo processo, perfezionando così il processo di risoluzione non violenta delle controversie incarnato dallo stato di diritto (2° Pilastro). Perfezionando questi primi due pilastri del capitalismo del libero mercato, Bitcoin è una profezia autoavverante predestinata a perfezionare il suo ultimo pilastro, diventando l'evoluzione finale del denaro onesto selezionato dal libero mercato (Pilastro 3). Come unico sacrosanto denaro esistente, Bitcoin è un capitalismo purificato: un'implementazione permanente del più sano "pozzo d'acqua" socioeconomico della storia:

La competizione e la collaborazione sono i mestieri della vita. Il conservatorismo dell'energia è la verità: le organizzazioni, i metodi e gli strumenti che ottengono i maggiori risultati con il minimo sforzo tendono al predominio, in quanto sono volentieri abbracciati dai partecipanti al mercato la cui "pelle è in gioco". Il rigoroso rispetto dei principi termodinamici è il modo in cui tutti i sistemi naturali crescono (non c'è altro modo). Le mentalità, la moralità e le strategie che meglio amplificano la produttività superano la concorrenza sul libero mercato delle idee - la presentazione di questa verità è la libertà. Il Bitcoin è un sistema che minimizza le asimmetrie competitive massimizzando la responsabilità, e quindi incentiva il fair play e la correzione degli errori nel mercato. Modellato sulle regole infrangibili dell'universo termodinamico - la Bitcoin è meglio conosciuta per il suo modello di crescita meteorica:

Siamo ciò che costruiamo, e costruiamo ciò che siamo. L'idea e la creazione di ricchezza sono mere espressioni dell'impulso centrale della vita: la crescita. Senza adeguati livelli di scambio, la crescita degli organismi e delle economie si deteriora. Su questo punto la natura è spietatamente chiara: quando hai finito di cambiare, sei finito. Con l'avanzare dell'età, si verifica un rallentamento del flusso sanguigno, che fa presagire una disgregazione del corpo e della mente. L'esercizio fisico può fornire una certa protezione aumentando il nostro scambio metabolico di ossigeno, acqua e sostanze nutritive, mantenendoci così più intelligenti, più sani e più energici man mano che invecchiamo. Come William Durant descrive eloquentemente questo declino in senescenza:

"È un'involuzione fisiologica e psicologica. È un indurimento delle arterie e delle categorie, un arresto del pensiero e del sangue; un uomo è vecchio come le sue arterie, giovane come le sue idee".

Ciò che è vero per il microcosmo dei singoli partecipanti al mercato è vero per il macrocosmo del mercato globale: ostacolare il libero scambio costringe il "flusso sanguigno" ideologico e rende il "superorganismo socioeconomico" (alias l'umanità) più vulnerabile alle malattie e alla morte. I costituenti di mentalità ristretta evocano un accumulo di disadattamento alla realtà per il collettivo. Creare blocchi al commercio attraverso la regolamentazione e la confisca - lo scopo implicito della banca centrale - è cancerogeno per il paradigma del libero mercato che rinvigorisce la nostra vitalità economica, la moralità sociale e il progresso della civiltà.

Tutti gli individui cercano di raggiungere la libertà, i beni e il potere per se stessi. I governi sono semplicemente una moltiplicazione di noi stessi e dei nostri desideri, senza un governo esterno e armati di armi di distruzione di massa. Nessuna quantità di lacrime può lavare via gli spargimenti di sangue della guerra, solo la praticità, correttamente attuata, può prevalere. In assenza di una battaglia da combattere - sia morale che fisica - le persone diventano più deboli. Arruolare eserciti contro un nemico dà alla gente motivo di unità. Forse Bitcoin servirà come alternativa morale alla guerra - una forza pacifica e al tempo stesso disciplinare sull'umanità. Il pragmatico americano William James credeva che un "equivalente morale" della guerra fosse necessario per porre fine ai suoi orrori:

"Finora la guerra è stata l'unica forza in grado di disciplinare un'intera comunità, e finché non verrà organizzata una disciplina equivalente, credo che la guerra debba continuare ad essere usata".

Se questo si dimostrasse vero, il Bitcoin diventerebbe una nuova modalità di organizzazione della civiltà: come una religione nata dall'economia e dall'informatica; una tradizione di saggezza che difende e distrugge le macchine da guerra e le ideologie della banca centrale. La guerra è il darwinismo scritto geopolitico, e le sue atrocità saranno infinite finché tutte le nazioni non saranno d'accordo, o saranno costrette, a cedere la loro sovranità auto-arrogata a un'autorità superiore - un "superstato" che si accaparra la sovranità individuale come mantra assiomatico. Il Bitcoin - un'utilità pubblica che facilita i flussi commerciali della proprietà privata - è il ponte tra l'utopismo comunista e il pragmatismo capitalistico, e potrebbe crescere fino a diventare il superstato a cui tutte le nazioni si inginocchiano. Forse questa ultima usurpazione della nazione è iniziata con il Blocco della Genesi il primo giorno, o forse deve ancora trasparire un giorno. Per ora, possiamo solo dire: Bitcoin è denaro.

Il denaro è il simbolo ultimo del commercio, e il commercio è la meta-idea dell'umanità. Qualunque cosa vinca come denaro sul libero mercato è un'idea brillantemente formulata e civilizzatrice. Il capitalismo è il sistema socioeconomico che si ottimizza per l'espansione del commercio rispettando i principi del libero mercato, primo fra tutti la sovranità individuale. Bitcoin - un denaro onesto che offre ai suoi detentori diritti di proprietà privata inviolabili e un perfetto stato di diritto - è la pietra angolare dell'innovazione del capitalismo. È come se tutti gli scambi commerciali nel corso della storia ci avessero portato alla nascita di questa idea: un denaro inarrestabile, incorruttibile e altamente accessibile. Come le idee, la Bitcoin mostra la non corporeità, la viralità e l'antifragilità: può essere spostata alla velocità della luce e memorizzata nella mente. In virtù della sua resistenza al furto e al radicamento nella termodinamica del lavoro, il Bitcoin ci porta in un mondo di incalcolabile libertà, di elevata moralità e di maggiore produttività. Il Bitcoin ci dà la libertà di: commerciare senza l'interferenza della banca centrale, conservare la nostra ricchezza in un luogo resistente al sequestro, e di abbracciare la verità in un mondo che affoga nell'inganno.

Considerate in combinazione, queste idee fanno di Bitcoin l'idea più brillante dell'umanità, una base salvifica su cui costruire una civiltà futura caratterizzata da più ingegno, moralità e prosperità.

"Salvezza: vedere ogni cosa per quello che è - la sua natura e il suo scopo. Fare solo ciò che è giusto, dire solo ciò che è vero, senza trattenersi. Cos'altro potrebbe essere se non vivere pienamente la vita - pagare la bontà come gli anelli di una catena, senza la minima lacuna".
- Marco Aurelio

- Robert Breedlove