BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


Bitcoin a 12 anni dalla sua nascita

Traduzione dell'originale di Nic Carter - Pubblicato il 31 ott 2020

Dodici anni fa oggi, ad Halloween 2008, esattamente 491 anni dopo che Martin Lutero inchiodò le sue tesi alla porta della chiesa del castello di Wittenberg, nacque l'idea di Bitcoin. Più precisamente, si potrebbe dire che è stata battezzata. La rete stessa non sarebbe esistita in modo veramente vivo e peer-to-peer fino al gennaio successivo. Il blocco 1, il primo "vero" blocco, fu estratto il 9, e il pioniere del denaro digitale Hal Finney ricevette la prima transazione il 10 del mese.

L'idea del contante digitale era esistita in precedenza, naturalmente, così come gli schemi di cassa basati sul lavoro computazionale. Ma questo schema specifico - fornitura limitata, non basata sul dollaro (molte delle prime idee del contante digitale si basavano sul mantenimento di un tallone del dollaro), che funzionava su una rete peer-to-peer, basata su un libro mastro condiviso, coniando attraverso prove di lavoro - era nuovo, e così Satoshi ha avuto il privilegio di dargli un nome. Quando si creano cose nuove, che si tratti di personaggi di fantasia o di stati nazionali, si ha il privilegio di dar loro un nome. In alcuni casi, il solo fatto di scoprire le cose ti conferisce un diritto nominativo. Ma è chiaro che gli inventori possono battezzare le loro invenzioni.

Questo è importante, perché il 31 ottobre 2008 è stata la prima volta che le qualità fondamentali di Bitcoin sono state abbozzate e abbinate al nome. Questo rende il sistema noto come 'Bitcoin' piuttosto specifico. Non è semplicemente un nome generico assegnato alla prima implementazione di successo del contante digitale. È il nome che Satoshi ha dato a un sistema con un programma monetario predefinito, 21 milioni di unità, basato su prove di lavoro, e così via. Altri sistemi di cassa digitale sono esistiti e esisteranno. Ma questo è speciale, e ha un'ottima opinione. Non è solo un modo per spostare il valore attraverso un mezzo di comunicazione. È un intero manifesto monetario. Un affronto al sistema fiat.

Bitcoin ha spesso confuso le persone. È forse uno dei fenomeni più fraintesi dell'ultimo decennio. Se non si dispone di un contesto ideologico e storico sufficiente, molto probabilmente lo si considera un completa bizzarria, un inutile spreco di potenza di calcolo e di sforzi. Questa è la posizione di default. La maggior parte delle persone in Occidente raramente pensa alla politica monetaria o alle banche - perché dovrebbero? Le loro valute si deprezzano a un tasso lento, appena percettibile. I loro accordi bancari funzionano abbastanza bene, e non si trovano troppo spesso congelati fuori dal sistema finanziario.

Naturalmente, questa non è la realtà per la maggior parte della popolazione mondiale, che soffre sotto regimi inflazionistici, o sistemi bancari politicizzati e inaffidabili. Ma le opinioni delle élite costiere americane sono di gran lunga sovrarappresentate nel discorso, per cui la stampa è piena di valutazioni confuse su questo schema monetario che si suppone inutile. Ma comprendere lo scopo di Bitcoin è di per sé una consuetudine che distingue una particolare classe di persone. Se non lo capisci, probabilmente non è destinato a te.

Anche tra gli accoliti, la vera natura di Bitcoin è difficile da stabilire. Si tratta di una rete di pagamenti e di insediamenti che si sta rapidamente stabilendo, il che ha portato la gente a credere che sia adatto per i pagamenti di piccole somme su internet, o anche nei più piccoli punti vendita di. È un database altamente disponibile, replicato e coerente, che ha portato molti a immaginarlo come uno strumento per la memorizzazione di dati arbitrari. È altamente innovativo e si basa su nuove scoperte e miglioramenti nell'informatica, nella crittografia e nel peer to peer networking, eppure viene percepito come antidiluviano, quasi una reliquia. Queste contraddizioni sono alla base della natura di Bitcoin. Qualcosa di sconosciuto, senza che nessuno parli a suo nome, apparirà moltitudinale nella mente dei suoi utenti. È un prisma scintillante, che rifrange le opinioni degli osservatori, sputando fuori visioni radicalmente diverse di se stesso in base alle loro prospettive.

Un orizzonte temporale senza fine

Recentemente, il grande storico monetario George Selgin ha sottolineato che è improbabile che Bitcoin possa spodestare il dollaro in tempi brevi, perché gli effetti della rete monetaria sono incredibilmente potenti e duraturi. E sono pienamente d'accordo. La differenza tra di noi è semplicemente quella degli orizzonti temporali. Sono disposto ad avere pazienza. Credo che i Bitcoiners abbiano questo in comune. Riconoscono di aver intrapreso un compito quasi senza speranza. La creazione di un mezzo di insediamento globale, neutrale e apolitico e di uno standard di valore non avverrà da un giorno all'altro. Abbiamo appena iniziato il progetto. Abbiamo solo dodici anni. Ma finora abbiamo fatto grandi progressi. Quindi andiamo avanti.

Qual è la misura di una società sana? Senza dubbio, è la volontà di intraprendere progetti a lungo termine, il cui completamento i loro ideatori non vivranno mai abbastanza per vederli. Praticamente tutto ciò che vale la pena di costruire richiede tempo. Le istituzioni durature non sono facili da realizzare.

La cattedrale non è la pietra che la compone. Né Bitcoin è i blocchi. La cattedrale è l'incarnazione fisica di un'idea singolare: qualcosa di più grande esiste. La sua grandezza ti fa sentire piccolo e ti ricorda il tuo posto nell'universo. Noi moderni, che banalmente voliamo attraverso il cielo al prezzo di un decimo del lavoro di una giornata, troviamo ancora oggi cattedrali imponenti e sublimi. Immaginate come si sarebbe sentito un contadino medievale nella frescura cupa della grande sala. Le guglie che lo sovrastano, l'edificio più alto che avrebbe visto in vita sua. La luce del sole che filtra attraverso i vetri colorati, rivelando una schiera di cui non sarebbe mai stato testimone in nessun altro luogo. Tutto questo, accuratamente costruito non per vanità, o commercio, ma per la gloria di Dio, per generazioni e generazioni. Padri e figli e nipoti che lavorano sullo stesso edificio.

I miei anni universitari li ho passati a studiare filosofia a St. Andrews, una piccola città sulla costa orientale della Scozia. A St Andrews si trovava una cattedrale costruita per ospitare le reliquie dell'apostolo Andrea, il patrono della Scozia. La croce bianca diagonale su sfondo blu, quella vista sulla bandiera scozzese, la Saltire, rappresenta la croce su cui fu crocifisso. Per centocinquantotto anni, a partire dal 1160, migliaia di scalpellini, operai e cittadini hanno lavorato con gli utensili a mano per costruire un contenitore adatto a queste sante reliquie. Solo una piccola parte delle persone che hanno riversato tutta l'energia della loro vita in questo magnifico edificio lo vedrebbero completato. Per il resto di loro, sapere che stavano lavorando a un sublime progetto di civiltà era sufficiente. Erano felici di sottomettersi a una visione molto più grande di loro, che superava le loro preoccupazioni transitorie. Questo era il culmine della cultura, della bellezza e della tecnologia dell'epoca. Per cos'altro si poteva sperare di vivere?

Oggi è praticamente impossibile mettere piede in una cattedrale antica, vecchia di mille anni, senza contemplare il puro sforzo umano di collocare fino all'ultima pietra e fino all'ultima lastra di vetro colorato. È un monumento e un compendio dell'opera incarnata affondata in quelle antiche pietre.

La critica Satosheana

Martin Lutero ha avuto novantacinque critiche. Satoshi ne aveva, in effetti, una. L'animus di Satoshi era incentrato sulla natura centralizzata della banca, del credito e della stessa base monetaria.

Il problema alla radice della moneta convenzionale è tutta la fiducia necessaria per farla funzionare. Ci si deve fidare della banca centrale per non svilire la moneta, ma la storia delle monete fiat è piena di violazioni di tale fiducia. Le banche devono avere la fiducia di detenere il nostro denaro e di trasferirlo elettronicamente, ma lo prestano in ondate di bolle di credito con appena una frazione di riserva. Dobbiamo fidarci di loro per la nostra privacy, fidarci che non permettano ai ladri di identità di prosciugare i nostri conti.

Martin Lutero ha cercato di riformare la Chiesa, di restituirla a uno stato più vero, più antico. Oltre a presentarci una rubrica e poi una prima implementazione di un sistema, Satoshi non era così imminente. Il whitepaper Bitcoin è probabilmente uno dei documenti più densi di semantica della storia. Non una parola è sprecata. Satoshi era notoriamente laconico sui post dei forum, ma optava con parsimonia per gli obiettivi politici ed economici del sistema. Gli spazi vuoti sono stati lasciati a noi.

E lo abbiamo fatto con gusto. I Bitcoiner, attraverso il meccanismo delle nuove tecnologie, cercano di ripristinare un assetto monetario del passato. Bitcoin è una nuova tecnologia progettata per perseguire idee barocche. Riporta all'epoca della moneta sana, in particolare al periodo armonioso che va dal 1880 al 1914, quando l'ordine internazionale era in gran parte unito su uno standard aureo e il libero scambio fiorì. Nella mente dei bitcoiner, ci troviamo in un punto di svolta epocale. Con un po' di fortuna, i futuri storici parleranno della restaurazione bitcoinista, che ha invertito le perdite subite nel fiat interregnum del 1971-2020. Lo chiamo interregno perché uno standard completamente fiat è un'anomalia storica piuttosto che il default. In questo modo, Bitcoin può essere inteso come revanscista o restauratore. Stiamo recuperando il territorio perduto, le idee scartate e il tempo perduto.

Alcuni critici sostengono che uno standard Bitcoin che rispecchi quello supportato dall'oro non è originale ed è banale; che uno standard Bitcoin subirebbe gli stessi fallimenti. Perché preoccuparsi di rivisitare gli accordi monetari falliti del passato? Ma Bitcoin, essendo una merce monetaria smaterializzata, è nuovo e distinto dall'oro.

Questi critici non riescono a cogliere la sua superiorità rispetto alle classiche tecnologie monetarie, che dovrebbero dare maggiore robustezza a un sistema incentrato su Bitcoin. È più verificabile, il che significa che le banche e gli istituti di deposito possono essere ritenuti responsabili dai loro utenti. È più economico da verificare, richiedendo solo hardware di base. Questo globalizza e democratizza il sistema monetario. Chiunque può partecipare, non solo una grande istituzione con le risorse per salvaguardare grandi quantità di oro.

A differenza dell'oro, è banale prendere personalmente in consegna il bene. Questo significa che gli utenti hanno la libera scelta tra l'autocustodia e l'approccio intermedio. Questa opzionalità permanente - nel peggiore dei casi, posso prendere la proprietà fisica, finale dei miei beni - è una caratteristica incredibilmente potente, che inclina l'equilibrio di potere verso l'individuo, lontano dallo Stato o dagli oligarchi aziendali. Era ora che il pendolo tornasse indietro.

Anche quando sono coinvolti i fornitori di servizi, la concorrenza per i depositanti è feroce. Chiudere il conto presso una banca bitcoin è semplice come prelevare le monete e depositarle presso un'altra banca. Ed è programmabile. Condizioni sofisticate possono essere codificate direttamente nelle transazioni. Questo è uno spazio di design che abbiamo appena iniziato ad esplorare. La preoccupazione immediata è l'integrità della rete, ed è per questo che gli aggiornamenti a livello di sistema richiedono una verifica così accurata. Non c'è probabilmente nessun progetto open source sulla terra che abbia visto così tanti controlli come Bitcoin. Si tratta di una taglia di 250 miliardi di dollari per i bug, dopo tutto. Quindi ci muoviamo lentamente, ma deliberatamente.

La gente a volte mi chiede cosa significhi per me Bitcoin, e questo è il mio miglior tentativo di rispondere. I bitcoiners che credono sinceramente in un mondo monetario migliore, e non hanno paura di mettere in pratica questa realtà, sono l'equivalente dei muratori e degli operai, che lavorano su una cattedrale monetaria che potrebbero non vedere mai realizzata. Ma questo va bene. Finché crediamo in una visione grande e audace, crediamo che ci sia ancora bellezza nel mondo, e che ci siano ancora grandi cose per cui vale la pena lottare, ci riusciremo e ci ispireremo.

Oggi non riesco a immaginare nient'altro su cui preferirei lavorare. Non potrei essere più felice di dedicare la mia carriera e le mie energie alla visione delineata da Satoshi dodici anni fa. La critica satosheana è vera, e si rafforza continuamente, man mano che le autorità monetarie consolidate diventano sempre più erratiche e capricciose. L'istanziazione di un sistema monetario stabile, basato su Bitcoin, non è affatto garantita, ma diventa ogni giorno più plausibile. Non so se vedrò il completamento di questo progetto, o anche se funzionerà a lungo termine. Ma questo non mi preoccupa. Sono concentrato sul posizionamento del prossimo mattone.

- Nic Carter