BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


La Via della Cittadella Digitale

Traduzione dell'originale di Yuri de Gaia - Pubblicato il 06 giun 2020

Prima di costruire cittadelle fisiche, i nostri sforzi potrebbero rivelarsi più fruttuosi altrove, nel regno digitale.

La parola cittadella sta diventando così comune tra i bitcoiner che anche i nuovi arrivati la usano. La gente lo capisce: perché combattere la mostruosità che è lo Stato nazione moderno quando si può iniziare la propria?

Satoshi non ha blog sui mali della banca centrale, non ha fatto una petizione al governo per rivedere il sistema monetario o per candidarsi a "cambiare il sistema dall'interno". Ha creato Bitcoin.

Allo stesso modo, scegliere di uscire dall'attuale sistema sociale e creare una propria comunità basata su principi condivisi può rivelarsi molto più efficace. È già stato fatto in passato e può essere fatto di nuovo. Se vari gruppi in tutto il mondo cominciano a formare cittadelle, è probabile che almeno uno di loro ci riesca. E così, sarà disponibile un progetto per molti altri. Come per molte cose nella vita, il successo di un progetto di questo tipo dipende dalla pratica, non dalla teoria.

È possibile, tuttavia, avviare una cittadella senza avere accesso a un pezzo di terra? E se un gruppo di individui si è già trovato in vari angoli di Internet, ma attualmente sono sparsi in tutto il mondo senza un modo immediato di riunirsi fisicamente? Credo che un tale gruppo sia già a metà strada. Molti avamposti fisici saranno preceduti dai loro omologhi digitali. Questa è la via della cittadella digitale.

Un paese digitale

Siamo abituati a pensare ai paesi come luoghi fisici con confini definiti e all'apparato statale come organo di governo. La mia definizione della cittadella suggerisce che è necessaria anche una certa quantità di terra. Molte delle nostre cittadelle, tuttavia, saranno comunità di nuova formazione basate su principi e valori condivisi piuttosto che su un territorio, una storia, una religione o un'etnia comune. Mentre continua la ricerca del lotto di terra perfetto (che potrebbe richiedere un po' di tempo), è del tutto possibile organizzare la maggior parte degli aspetti della vita della cittadella altrove, nel regno digitale.

Le comunità online sono comuni al giorno d'oggi. Gli amanti dei gatti, gli appassionati di auto, i carnivori e i bitcoiner si incontrano regolarmente sui forum su Internet, nelle chat room e nelle videoconferenze. Questi gruppi sono solitamente formati sulla base di specifici interessi comuni. Nel campo fisico, gli incontri rappresentano un'idea simile. Ma il nostro interesse si colloca a un livello più alto. Un incontro di amanti della bistecca a Singapore, in genere, presuppone che tutti i partecipanti siano residenti nella città-stato di Singapore, ma non tutti i singaporiani sono amanti della bistecca. Quello che vogliamo costruire non è solo un gruppo di interesse specifico, ma una versione online di Singapore, un paese digitale.

Individuale vs Collettivo

Prima le cose importanti. Quali sono le caratteristiche degli Stati nazionali classici?

"Come modello politico, lo Stato-nazione fonde due principi: il principio della sovranità statale, articolato per la prima volta nella Pace di Westfalia (1648), che riconosce il diritto degli Stati di governare i loro territori senza interferenze esterne; e il principio della sovranità nazionale, che riconosce il diritto delle comunità nazionali di autogovernarsi"
- Encyclopaedia Britannica

Il modello attuale, come si vede, incorpora due cose: il territorio e il diritto all'autogoverno. Non abbiamo il primo. Il secondo, invece, è a portata di mano. Quando parliamo di poterci governare, implichiamo l'autodeterminazione collettiva.

L'idea di autodeterminazione collettiva sembra opporsi all'autodeterminazione individuale. Negli ambienti anarco-capitalisti e nell'economia austriaca è spesso un argomento delicato. Se si rinuncia ad alcune libertà individuali a favore di un gruppo, ci si ritrova a camminare sul filo del rasoio. Il collettivismo! A mio avviso, però, i due concetti non si escludono a vicenda. La questione riguarda due proprietà: i compromessi e la scala.

La formula è semplice: più grande è la scala del gruppo, più compromessi bisogna fare per esistere al suo interno.

Immaginate un mondo in cui l'autodeterminazione individuale è tutto ciò che abbiamo: otto miliardi di individui autosufficienti che svolgono la loro attività in completa indipendenza. È piuttosto difficile da immaginare perché uno scenario del genere è impossibile. Nel momento in cui si crea una famiglia o si diventa amici di qualcuno, questa totale libertà scompare. Improvvisamente, ci si trova a fare delle concessioni per mantenere la relazione. Smettete di vedere altre donne se volete avere un matrimonio solido; sacrificate il lavoro e gli hobby per passare del tempo con i vostri figli; cambiate le vostre abitudini di spesa per assicurarvi che la vostra famiglia sia benestante. Questi compromessi sono già abbastanza significativi, e stiamo parlando solo di una piccola unità collettiva: la famiglia, il nucleo della società.

E il vostro quartiere? Il villaggio? Città? Paese? Secondo la formula data (e il buon senso), la tua libertà si riduce con la scala. Non c'è niente di male, però. Le interazioni sociali si basano su compromessi e concessioni. Ciò che conta è la capacità di scegliere i compromessi che si è disposti a fare. Ed è proprio questo che manca al classico stato-nazione. Invece di essere un fornitore di servizi e un protettore, raggiunge i suoi tentacoli sempre crescenti in ogni aspetto delle vostre interazioni quotidiane, gestendo la vostra vita senza il vostro consenso.

Ma:

"L'autodeterminazione collettiva non deve necessariamente significare un vero e proprio stato. Potrebbe invece significare una qualche forma di autonomia o di autogoverno all'interno di un altro Stato"
- Nazionalismo, autodeterminazione e secessione

Se un gruppo di individui entra in una relazione in cui accetta di seguire un insieme prestabilito di regole, compresi i compromessi e le concessioni caratteristiche delle comunità, otteniamo l'autodeterminazione collettiva. Con la sua gerarchia, le sue tradizioni e la sua cultura, una comunità di questo tipo si impegna nell'autogoverno. Il Meme In Difesa della Cittadella ha fornito alcuni esempi, come gli Amish. Il problema con i collettivi autogovernativi esistenti è che non hanno un proprio territorio. Normalmente, si trovano all'interno di altri Stati nazionali, e non importa quanto vorrebbero separarsi e svolgere le loro attività separatamente, è improbabile che lo Stato ospitante rinunci a uno dei suoi territori - non perché non ne abbia da offrire, ma perché creerebbe un pericoloso precedente.

La nostra cittadella digitale, quindi, è un collettivo basato su Internet senza territorio fisico, organizzato e stipulato volontariamente, i cui rapporti sono regolati da un insieme di regole contrattualmente vincolanti.

Cosa distinguerebbe una cittadella digitale dalle altre comunità online?

Come detto, il nostro collettivo è più simile a un paese digitale che a una comunità basata sugli interessi. I videogiocatori, gli amanti degli anime e anche i vegani sono i benvenuti, a patto che accettino di seguire le regole.

Personalmente, vorrei vedere i seguenti attributi.

Le caratteristiche di una Cittadella Digitale

Essendo un paese digitale, la nostra cittadella deve possedere alcune caratteristiche di cui i paesi regolari hanno goduto nel corso della storia. Allo stesso tempo, stiamo cercando di migliorare il sistema ereditato, quindi ci si deve aspettare anche qualche approccio innovativo.

Governo

Poiché la Gerarchia fa parte dell'Ordine naturale, non possiamo eliminare un governo. Tuttavia, invece di avere un Governo, una moderna entità amorfa con la G maiuscola, ci sarà un governo, un organo di gestione chiaramente definito, composto da un numero limitato di individui conosciuti. Poiché sono un sostenitore del governo privato, cioè dei leader che hanno la proprietà diretta dei beni della cittadella, un tale paese può essere definito, classicamente, come un regno, un principato o un equivalente di altre culture. Si può usare o concepire un nome più moderno, che includa la cittadella stessa, ma le descrizioni tradizionali sono molto Lindy.

Questo governo avrà un ruolo molto limitato. Il re, come il popolo, sarà sotto la legge. La legge, in questo caso, è un insieme di regole universali immutabili che si adattano ad un unico pezzo di carta. Come capo e proprietario dello Stato, il monarca agisce solo come giudice, non come legislatore, essendo la stragrande maggioranza dei rapporti nel paese soggetto al diritto privato. Per quanto possa sembrare contro-intuitivo, è un regno di individui sovrani.

Simbolismo

Partendo da piccoli clan e finendo con entità sovranazionali, le persone organizzate hanno sempre preferito distinguersi in molti modi. L'uso di stendardi e bandiere risale all'antichità. A mio parere, un paese vero e proprio deve avere una bandiera, uno stemma con un motto, un inno nazionale, un'icona culturale, colori nazionali e alcuni simboli astratti. In una monarchia, il capo dello Stato stesso serve di solito come simbolo della nazione e può utilizzare il sigillo o il timbro della dinastia, anch'esso associato al paese.

Tradizioni

Credo che per unire un gruppo di persone a lungo termine, ci deve essere un obiettivo comune condiviso e venerato da tutta la popolazione. Questo obiettivo deve abbracciare decenni o, preferibilmente, secoli o addirittura millenni. Uniti intorno alla visione comune, gli abitanti della cittadella troveranno uno scopo e un significato nella loro vita. Essere parte di qualcosa di più grande di te stesso e contribuire direttamente al grande piano - questo è ciò che manca oggi nella vita di molte persone.

Per promuovere ulteriormente l'unità, sono necessarie tradizioni nazionali. Diversi eventi, celebrazioni, commemorazioni, competizioni elevano lo spirito della nazione e invocano l'orgoglio della popolazione.

I valori tradizionali, come la famiglia, la comunità e la disciplina devono essere promossi fin dalla giovane età per garantire che la cittadella si rafforzi solo con le nuove generazioni. Come generazione radice, possiamo anche non essere perfetti, ma sappiamo tutti che il futuro è dei nostri figli.

Con il tempo, l'arte tradizionale, la musica, il teatro e persino la moda possono svilupparsi, riflettendo in forme esteriori lo stato interiore della mente dei cittadini. Questo patrimonio culturale passerà di generazione in generazione e rafforzerà il legame tra i popoli della nazione.

Contratto

Anche se i punti di cui sopra non sono del tutto nuovi, ciò che rende un paese digitale diverso dagli altri è quanto segue.

A differenza dei paesi tradizionali, dove si è vincolati da un contratto sociale invisibile, la partecipazione alla cittadella è volontaria. La cittadinanza è rappresentata da un vero e proprio contratto tra voi e l'entità operativa. Che il capo dello Stato sia un monarca o un presidente aiutato da un consiglio di amministrazione, non sarai mai un suo suddito, ma un membro dell'organizzazione. La cittadinanza è l'appartenenza.

Non appena sentite di non condividere l'obiettivo comune della nazione, non vi piace il suo ethos o semplicemente trovate un'alternativa migliore, votate con i piedi. Andate via. Allo stesso tempo, se scegliete di rimanere, dovete rispettare le leggi della cittadella e aspettarvi di essere cacciati se vi rifiutate di farlo. In questo modo, la direzione è incentivata a fornire le migliori condizioni possibili ai soci esistenti e potenziali, e i soci sono incentivati ad essere buoni cittadini. È il più equo possibile.

Un nuovo Rinascimento

Trovare un posto a cui appartenere è una questione che molti individui in tutto il mondo condividono. Questi uomini senza radici darebbero tutto per diventare parte di qualcosa di significativo e ambizioso, un luogo a cui dedicare la loro vita. Una cittadella digitale, un regno che è ovunque e in nessun luogo allo stesso tempo, popolato da persone reali con una visione condivisa del futuro potrebbe essere il luogo giusto.

Immaginate di passeggiare lungo una strada di una città straniera e di imbattervi in una persona che indossa un abito tradizionale con le insegne del vostro regno. Ne deriverà sicuramente un sorriso e un caloroso saluto. Prima che te ne accorga, ti presenta agli altri cittadini che vivono in questa città. Il vostro soggiorno è appena diventato molto più piacevole.

Non è una protesta o un movimento. È una nuova cultura, una rinascita di valori tradizionali adattati al mondo moderno. E un giorno, con uno sforzo sufficiente, potremmo riuscire a trovare un pezzo di terra o due su cui costruire le nostre città. Inizierà così il grande consolidamento, l'unificazione della nazione dispersa.

Un Nuovo Rinascimento non arriverà da solo. Deve essere realizzato. Abbiamo quello che serve per realizzarlo?

- Yuri de Gaia