BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


Bitcoin è una necessità, quindi la sua economia sarà circolare

Traduzione dell'originale di Aleksandar Svetski - Pubblicato il 06 nov 2020

Bitcoin è il denaro perfetto in quanto incarna tutte le proprietà e le funzioni del denaro - come riserva di valore (Store of Value - SoV), mezzo di scambio (Medium of Exchange - MoE) e unità di conto (Unit of Account - UoA) - e lo fa in un modo che qualsiasi persona o partecipante, da qualsiasi parte del mondo possa:

  1. Risparmiare senza farsi rubare invisibilmente la ricchezza
  2. Spendere senza che qualche istituzione di tipo "grande fratello" dica loro con chi o con cosa possano farlo
  3. Rendere conto, controllare e verificare ciò che hanno, quando l'hanno ricevuto e a quanto ammonta in relazione all'intera fornitura.

Inoltre, il tutto è possibile senza alcuna forma di intermediario di fiducia, regolamentazione governativa o controllo prudenziale.
Il denaro è probabilmente l'invenzione più importante dell'umanità, ed è il meccanismo con cui misuriamo il tempo e l'energia e il mezzo di comunicazione attraverso il quale collaboriamo. È fondamentale per la formazione di qualsiasi società più complessa di poche centinaia di persone e senza di esso non possiamo scalare alcuna divisione del lavoro né possiamo scalare alcuna forma di produzione al di là dell'autosussistenza.

Ed eccoci qui nel 2020, 12 anni (ad oggi, mentre scrivo) da quando Satoshi ha pubblicato il WhitePaper, per quello che è probabilmente l'apice del denaro (almeno su questo pianeta).

Cosa c'entra questo con la circolarità di Bitcoin?

Beh, se bitcoin è il prossimo e definitivo denaro globale, allora per definizione (e per disegno) è già circolare. È un'unità monetaria e una rete finanziaria che già incarna tutti gli elementi necessari per un sistema economico globale.

Quindi non è una questione di "se", o anche di "quando", ma piuttosto una questione di progresso, di grandezza e di necessità.

Recentemente ho scritto un articolo, intitolato Bitcoin & Lockdowns, in cui ho proposto un modello di comprensione della curva di adozione a lungo termine di Bitcoin, attraverso la lente della necessità.

In esso troviamo una semplice risposta alla domanda:

A quando la circolarità?
Quando diventarà una necessità.

"La necessità non è solo la madre di ogni invenzione, ma è anche la nonna di ogni cambiamento", come dice il proverbio.

Le grandi trasformazioni come Bitcoin sono progressi che si diffondono nella società in modo memetico. Iniziano impercettibilmente lentamente, ma man mano che acquistano slancio sia a causa del loro stesso sviluppo che del deterioramento della vecchia guardia, cominciano ad accelerare in modo esponenziale.

E questo è ciò che stiamo facendo oggi: L'esperimento fiat sta andando fuori controllo, e la necessità di usare bitcoin come veicolo di risparmio, il meccanismo dei pagamenti e, ad un certo punto, un sistema di contabilità, tutto questo sta accelerando rapidamente.

Quando si guarda all'economia moderna e al denaro fiat da cui dipende, ci si rende conto che non è più possibile misurare con precisione il prodotto del proprio lavoro, preservare il prodotto del proprio lavoro o scambiare liberamente e volontariamente il prodotto del proprio lavoro.

Il denaro non è più denaro nel vero senso della parola. È diventato, come direbbe la cosiddetta economista Stephanie Kelton, solo "punti". Punti insignificanti, virtuali, arbitrari, inutili, che un gruppo può recuperare a spese del resto di noi, dei nostri mezzi di sussistenza e delle nostre scarse risorse naturali.

Questo è un modello del mondo che non può durare, proprio come il pazzo che si butta da una scogliera cercando di volare pensa di aver battuto la gravità per i primi secondi mentre si muove verso l'alto. Quando allungheremo un po' il lasso di tempo, scopriremo che la gravità avrà la meglio. Avrà sempre la meglio.

Un altro esempio di come la vecchia guardia abbia perso la strada è l'intero edificio KYC/AML, e i nuovi ridicoli mandati come la Travel Rule.

Il denaro esiste affinché due parti che non si conoscono possano scambiarsi il prodotto del loro tempo e del loro lavoro. "Conoscere il proprio cliente - KYC" è fondamentalmente antitetico all'intera ragion d'essere del denaro e alla scala che dovrebbe consentire nella società attraverso un commercio efficiente.

Immaginate tutte le risorse sprecate che vanno inutilmente in conformità, conoscendo tutti i vostri clienti, riportando statistiche senza senso per la conformità antiriciclaggio, licenze, regolamenti e trattative burocratiche e lobbistiche.

Immaginate quanto potremmo essere tutti più efficaci e quante risorse potremmo risparmiare e destinare a mezzi produttivi se non fosse per questi regolamenti arbitrari.

E, per aggiungere l'insulto al danno, pensate a quanta privacy questa intera "performance" compromette da parte di tutti i "clienti" coinvolti.

È una follia.

I pagamenti e la privacy finanziaria non miglioreranno con il sistema esistente, ma peggioreranno. I risparmi non saranno protetti dal regime esistente, ma si deterioreranno. Le tasse richieste e estorte dal settore pubblico in crescita non diminuiranno,

non faranno altro che aumentare.

Ecco perché la necessità di Bitcoin come fondamento di una nuova rete monetaria e di pagamenti non farà che aumentare, così come l'ampiezza della sua circolarità. Non c'è alternativa (T.I.N.A - There Is No Alternative).

Sarà spinta tanto dal declino del sistema fiat esistente, quanto dall'evoluzione da zero a uno del denaro che Bitcoin rappresenta.

Vale anche la pena notare che le trasformazioni da zero a uno non sono sempre viste come "miglioramenti" all'inizio, soprattutto per quanto riguarda le reti. Sono fondamentalmente diverse e richiedono input ed energia da parte del partecipante, proprio come l'energia di attivazione in una reazione chimica.

Ma man mano che emergono nuovi "catalizzatori", e i diversi partecipanti si trovano "energizzati" a sufficienza per cambiare (a seconda delle necessità), il movimento cade a cascata, raggiungendo sia la massa che la scala, e ci guardiamo indietro chiedendoci come abbiamo fatto a vivere senza di esso.

E così sarà con Bitcoin tra pochi decenni.

Le generazioni future, che saranno libere di operare a livello globale, istantaneamente e in modo sicuro con un denaro sempre attivo e incorruttibile, guarderanno indietro a questo periodo della storia del denaro Fiat e si chiederanno come qualcuno possa essere stato così stupido da pensare che l'economia così come la intende Stephanie Kelton, in cui 2 + 2 = 435, sarebbe durata.

- Aleksandar Svetski