BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


Bitcoin come antidoto alla disperazione

Traduzione dell'originale di Aaron Clendenin - Pubblicato il 22 ott 2020

Uno dei miei assiomi preferiti nella pratica della psicoterapia è che "tutti i comportamenti sono multi-determinati", il che significa che ci sono molteplici forze o input che esercitano pressione o influenza nell'espressione finale di un determinato comportamento. Per quanto possiamo dire, ci sono pochissimi, se non nessuno, comportamenti che si verificano per una singola causa. Si potrebbe sostenere che un riflesso motorio involontario potrebbe essere l'eccezione a questa regola generale, ma le condizioni sarebbero comunque un fattore e i determinanti ambientali sono tipicamente considerati come parte di analisi comportamentali individuali o test empirici di modelli comportamentali. Se un agente farmacologico fosse somministrato per indebolire il nervo o il sistema nervoso, si otterrebbe una risposta smussata o assente. Ciò che sta accadendo biochimicamente ed elettricamente nel corpo da quell'agente è un fattore ambientale determinante per quanto riguarda il comportamento riflessivo.

Un altro esempio rapido ma potente è l'esperienza soggettiva della fame e del desiderio di mangiare cibo (comportamento obiettivo). Ovviamente, consumare una qualche forma di nutrizione per sostenere la vita è una spinta biologica fondamentale per la sopravvivenza, ma anche la fame e il conseguente comportamento di ricerca del cibo possono essere controllati entro certi limiti. Non dobbiamo mangiare non appena sentiamo la fame. Tanto per dire, sembra che molte persone non lo sappiano e abbiano bisogno di sentirlo. O forse lo sanno e sono solo sfortunati schiavi dei loro impulsi, privi di una corteccia prefrontale ben sviluppata di funzioni esecutive (analizzare, pianificare, prevedere, avviare, autocontrollare, organizzare e inibire) che regolano il comportamento personale. Potrei divagare, ma forse no. Su questo torneremo più tardi.

L'esperienza della fame e il conseguente comportamento alimentare non è una pura funzione di stimolo-risposta (rigoroso comportamentismo), ma una catena stimolo-organismo-risposta (orientamento cognitivo-comportamentale) attraverso la quale abbiamo la capacità di influenzare in qualche modo l'esperienza attuale e i probabili risultati. Quando si concettualizza il comportamento umano complesso nel tentativo di definire le relazioni e di identificare le cause rilevanti e vicine, si può rapidamente iniziare a muoversi nel regno della reductio ad infinitum. Quindi, se si accetta la mia premessa generale che il comportamento umano è molto complesso e ha molteplici determinanti, allora possiamo andare avanti.

Se stessimo osservando qualcuno che è depresso, potremmo dire: "Come si comporta? (in totale) e continueremmo a descrivere quelli che, a nostro avviso, sono modelli di comportamento tipici delle persone depresse. Questi modelli possono anche essere ulteriormente scomposti in comportamenti individuali o distintamente identificabili. Tutto questo è "comportamento", quindi è necessario saltare su e giù per i livelli a volte per semplicità, come potete vedere dalla mia lunga introduzione per arrivare a questo punto. Questo pezzo è un articolo concettuale basato su principi e scoperte psicologiche consolidate, sulla mia carriera di terapista delle dipendenze e della salute mentale e sulla mia esperienza personale con Bitcoin. È un tentativo di mettere insieme le idee che mi rimbalzano in testa da quando sono sceso nella tana del coniglio Bitcoin nell'ultimo anno. Per favore, prendetelo come tale.

Tornando alla psicoterapia e al cambiamento del comportamento... molto spesso attraverso il corso della terapia, si ottengono dei vantaggi positivi semplicemente aiutando i clienti ad ampliare la loro prospettiva sulle proprie motivazioni e aiutandoli a vedere o a rivalutare il proprio comportamento attraverso varie lenti o possibili interpretazioni. Questo fenomeno si chiama insight e, direi, è stato il principio fondante su cui è iniziato il campo della psicoterapia, almeno le modalità della psicoterapia che facilitano la partecipazione del cliente al processo di autoguarigione. Sono state sviluppate altre terapie che non hanno bisogno di invocare la consapevolezza del cliente, ma che di solito hanno scopi più specialistici. In questo caso sono più focalizzato sull'individuo come partecipante intenzionale come tale al processo di guarigione.

Uno dei ricercatori fondatori della nostra attuale comprensione della depressione è Martin Seligman della University of Pennsylvania. Per prima cosa ha proposto la teoria dell'impotenza appresa come modello esplicativo della depressione. Il suo programma di ricerca fondamentale per lo sviluppo di questa teoria è degno di essere brevemente esaminato: I cani sono stati messi in una scatola elettrificata. Gli fu data una leggera scossa elettrica, ma riuscirono a fuggire dall'altra parte, cosa che fecero. Poi fu eretta una barriera in modo che non potessero scappare dall'altra parte quando erano sotto shock. Dopo un numero sufficiente di prove (esperienze), hanno smesso di cercare di fuggire quando sono rimasti sotto shock anche dopo che la barriera è stata rimossa. In sostanza, avevano imparato che i loro sforzi erano inutili e avevano rinunciato a trovare una soluzione. Il modo più scientifico e comportamentale e tecnico per articolare questo modello è dichiarato: L'esposizione ripetuta a stimoli ambientali incontrollabili e avversivi porta gradualmente alla convinzione che la situazione avversa sia ineluttabile e che ne derivi un senso di impotenza nei confronti della situazione.

Così è con molte persone che si trovano in uno stato di disperazione. Merriam-Webster definisce la disperazione come "perdita della speranza", "perdita totale della speranza" o "disperazione". Disperazione e depressione clinica non sono concetti equivalenti, ma si intrecciano nel campo cognitivo ed emotivo. Infatti, quando si valuta qualcuno per il rischio di suicidio, interrogarlo sulla speranza è una parte fondamentale della formulazione. Per quali cose positive devono vivere, come i rapporti familiari o un evento significativo in arrivo? Hanno altri progetti positivi per il futuro? Come potrebbero immaginare che le cose migliorino? La diagnosi di Disturbo depressivo maggiore ha come primo criterio nel DSM-5: "L'umore depresso per la maggior parte della giornata... per rapporto soggettivo (ad esempio, si sente triste, vuoto, senza speranza)".

Ho lavorato con molti clienti depressi nel corso degli anni e sono stato depresso io stesso a un certo punto della vita. Non è un'iperbole dire che la fenomenologia (esperienza soggettiva personale) della disperazione è onnipresente. È insidiosa e pervasiva. Si riduce all'anima dell'individuo e influenza le sue percezioni, il ricordo della memoria, la visione del mondo e le prospettive future, e gran parte della sua capacità di pensare razionalmente o di autoregolarsi in quasi tutti gli ambiti della vita. Penso che, in un senso molto reale, quando si perde la speranza si perde "tutto". In quello stato di disperazione senza speranza, hanno perso il loro potenziale, non in senso assoluto forse, ma almeno nella convinzione di ogni possibilità di un probabile esito positivo per un futuro miglioramento della loro situazione. Pertanto, hanno perso il loro futuro, almeno fenomenologicamente, nel momento presente. Si potrebbe chiamare la morte spirituale del sé... a meno che non venga ripristinata la speranza.

L'impotenza acquisita è stato un contributo importante alla nostra comprensione della depressione, ma tutte le teorie e le scoperte scientifiche hanno limiti e necessità di elaborazione, perfezionamento e/o sconcerto. Sulla base della teoria dell'impotenza appresa, Abramson e i suoi colleghi hanno sviluppato la teoria dell'impotenza della depressione. In breve, l'impotenza appresa non è riuscita a spiegare perché alcune persone sono diventate depresse e altre no. La teoria della disperazione ha aggiunto una componente attributiva. La tesi della teoria della disperazione è che l'attribuzione (spiegazione) degli stimoli e delle circostanze fa la differenza nell'esperienza. Un concetto correlato a queste due teorie è la differenza tra il luogo di controllo esterno e quello interno. Sono per lo più una vittima delle mie circostanze o posso effettuare un cambiamento significativo nella mia vita nonostante le circostanze?

Nell'esaminare altri modelli cognitivi e interpersonali della depressione che risalgono alle origini della psicologia moderna, il filo conduttore sembra essere una componente cognitiva dell'attribuzione/interpretazione. Freud vedeva la disperazione/depressione clinica come emanante da una profonda ansia, una reazione angosciata della psiche a un disallineamento tra desideri e realizzazioni. Infatti il DSM-I aveva come nomenclatura diagnostica "Reazione Depressiva" riferita a questo tipo di eziologia, la depressione che agisce come un meccanismo di difesa per l'ansia sottostante scatenata da circostanze di vita difficili. Anche Jung la considerava una crisi spirituale, in senso lato. Il dottor Viktor Frankl, che ha sofferto attraverso i campi di concentramento nazisti e in seguito ha sviluppato la Logoterapia, basata sul trovare un significato nella propria vita e attraverso la propria sofferenza, ha sviluppato la semplice equazione D=S-M. Disperazione uguale a Sofferenza meno (senza) Significato. La nostra terminologia cognitivo-comportamentale contemporanea parla anche di dissonanza cognitiva, che è la dissonanza tra i propri desideri e/o valori e il loro effettivo comportamento che poi causa disagio nella persona.

Purtroppo in molte discipline terapeutiche ci siamo allontanati dall'interpretazione dell'esperienza vissuta e dalle funzioni delle nostre reazioni in un modello di identificazione dei sintomi, poiché siamo stati costretti a "economizzare" e a utilizzare trattamenti "brevi e mirati alla soluzione", basati su risorse in calo e su standard di cura basati sul denaro, in gran parte guidati da compagnie di assicurazione e HMO, come molti hanno scritto altrove. Tuttavia, ciò che non è cambiato è il modo in cui interpretiamo e spieghiamo le cose a noi stessi e le azioni che intraprendiamo con le conoscenze o le intuizioni che abbiamo determinato, in larga misura, i nostri probabili risultati. La responsabilità personale e l'auto-agenzia sono inevitabili e fondamentali nel processo di cambiamento del comportamento e di guarigione, se vogliamo ottenere un'approssimazione della vita che desideriamo.

Un'altra teoria strumentale in psicologia è stata la teoria dell'apprendimento sociale sviluppata da Albert Bandura. La teoria dell'apprendimento sociale si basa sul precedente comportamentismo del condizionamento classico e operante, ma ha aggiunto che 1) i processi di mediazione si verificano tra stimolo e risposta e 2) il comportamento viene appreso dall'ambiente attraverso l'osservazione. Due concetti chiave nella teoria dell'apprendimento sociale sono l'autoefficacia e le aspettative. L'auto-efficacia, secondo Bandura, è "quanto bene si possono eseguire le azioni necessarie per affrontare situazioni prospettiche". Vorrei approfondire questo concetto per il lettore e dire che l'autoefficacia ha elementi sia cognitivi che emotivi incorporati in essa. Si tratta di un'autovalutazione di un'abilità in una determinata area e di un sentimento generale che corrisponde a quella valutazione basata sull'abilità. L'aspettativa è semplicemente questo: Mi impegno in un comportamento specifico e mi aspetto un risultato probabile o una serie di risultati probabilistici. Quindi, le aspettative e l'autoefficacia si informano e interagiscono tra loro. L'autoefficacia è più categorica, mentre le aspettative sono specifiche di comportamenti discreti.

Nella ricerca sull'uso della sostanza, si è scoperto che i bambini di età compresa tra i tre e i quattro anni hanno aspettative sul consumo di alcolici. I bambini in età prescolare non sono in grado di leggere o scrivere a sufficienza, per cui viene utilizzato un formato di intervista a riempimento. Un esempio potrebbe essere: "Quando la mamma beve vino (agisce)... sciocca, ridacchia molto, cade, diventa triste, balla, a volte piange, si dimentica di lavarsi i denti, e articoli simili che riflettono la catena comportamentale delle probabili possibilità. Questa è stata una scoperta importante perché ha dimostrato che cominciamo a sviluppare aspettative molto presto nella vita per una serie di comportamenti umani che non siamo direttamente impegnati in noi stessi mentre abbiamo ancora una comprensione molto limitata del mondo che ci circonda. Queste aspettative influenzano anche in seguito il nostro processo decisionale riguardo a questi comportamenti e persino l'interpretazione delle esperienze, se ci capita di impegnarci in questi specifici comportamenti. Inoltre, gli effettivi effetti biologici e sociali del consumo di alcol e degli eventi circostanti modellano le nostre aspettative e, molto spesso, cambiano le aspettative che abbiamo sviluppato molto prima nella vita, capovolgendole o amplificandole, a seconda dell'esperienza e delle nostre interpretazioni. Come ho detto, il comportamento umano "semplice" è molto complesso.

Il lettore astuto potrà generalizzare la probabilità che questo fenomeno sia presente fin dalla più giovane età anche nel modo in cui ci relazioniamo al denaro e alle condizioni finanziarie del nostro ambiente immediato e del mondo in generale. Ho pochissime conoscenze di informatica, ma credo sia giusto dire che le aspettative fanno parte del codice informativo del nostro sistema operativo umano. Sono sempre lì sotto l'interfaccia utente che mantiene il sistema in funzione, ma sono anche vulnerabili a bug e glitch e hack che possono disturbare il funzionamento, rallentare il sistema o causarne il crash se non viene mantenuto correttamente.

Il motivo per cui questo è rilevante per la disperazione e la speranza è che la maggior parte delle nostre emozioni positive sono vissute nel perseguimento di obiettivi significativi. L'auto-efficacia di operare un cambiamento in un settore specifico della vita è il perno da cui dipende gran parte della nostra capacità motivazionale se si vuole continuare a lottare per giorni migliori e persistere di fronte alle avversità. Se estrapolo la mia esperienza, direi che il comportamento specifico dell'acquisto di Bitcoin ha il potenziale di cambiare le nostre aspettative sui probabili risultati futuri, entro certi parametri se le condizioni continuano ad essere soddisfatte, come è sempre vero quando interagiamo con un ambiente dinamico e in continuo cambiamento. La condizione principale nel medio e lungo termine dovrebbe essere che il numero (continua a) salire, anche se penso che ci siano molti altri potenziali benefici in futuro che rientrano nella categoria delle incognite sconosciute. Sono d'accordo con gli altri in questo spazio che il Bitcoin ha il potere di agire come una forza di guarigione più grande sul nostro mondo per una varietà di ragioni e una via di quel cambiamento è attraverso gli effetti psicologici che ha sugli individui. Quando vediamo questi stessi effetti nel corso della pratica, essi sono tipicamente descritti come "terapeutici" perché stanno spostando l'individuo da uno stato relativamente indesiderabile verso qualcosa di più funzionale che prevede migliori possibilità di successo e migliori risultati a lungo termine.

Per quanto inquietanti possano essere gli studi sul dog-zapper degli anni '60 e '70 per la nostra sensibilità moderna, il dottor Seligman ha preso una nuova direzione più tardi nella sua carriera e ha iniziato a studiare ciò che fa eccellere le persone. Cosa aiuta le persone a prosperare? Come si vive la propria vita migliore come dice il proverbio? Invece di concentrarci sui problemi e affrontare la vita, come possiamo trascendere non solo i nostri tipici deficit e problemi, ma di conseguenza la nostra preoccupazione per i deficit e i problemi - la nostra malsana, accresciuta attenzione alle minacce e al dolore come concettualizzato nella psicologia evolutiva. Questo cambiamento, semplice ma atteso da tempo, ha portato a concentrarsi sui punti di forza e sulle virtù invece che sui problemi e sulle debolezze. Così, la sotto-disciplina della Psicologia Positiva è nata e ha contribuito alla letteratura scientifica e al miglioramento di molte vite negli ultimi due decenni. È possibile ottenere una revisione più completa della storia e dei risultati della ricerca su positivepsychology.com, ma gli elementi essenziali per rispondere alle grandi domande poste sono i seguenti: 1) Emozioni positive, 2) Impegno, 3) Relazioni, 4) Significato e 5) Realizzazioni (PERMA). A me, questo tipo di pensiero sembra allinearsi naturalmente con il lavoro di Jeff Booth nel delineare un futuro di abbondanza deflazionistica. Abbiamo bisogno di una nuova mentalità culturale per interfacciarci adeguatamente con un nuovo paradigma monetario e, come molte altre forze che sembrano convergere, questo è l'ennesimo pezzo del puzzle che è emerso in un tempo serendipido nello spazio.

Nello sviluppare il suo modello di prevenzione delle ricadute, Marlatt ha sottolineato che un fattore significativo nel recupero dalle dipendenze chimiche è stato lo sviluppo di "dipendenze positive" più sane come sostituto, attività come l'esercizio fisico, mangiare sano, meditazione, ricreazione o nuovi hobby. Questo potrebbe sembrare buon senso a molti di noi, ma l'importanza non è immediatamente evidente all'inizio per molti nel recupero. Quelle persone che faticano a trovare e coltivare questi sostituti hanno in media una vita molto più dura. Sì, è bene sottrarre cose negative alla nostra vita, ma poi c'è un vuoto. Deve essere riempito con qualcosa di funzionale, di positivo, di rinforzante e di autosufficiente se vogliamo avere successo a lungo termine.

Di seguito, condivido un modello concettuale con concetti psicologici noti e accettati ed effetti sistemici che descrivono la mia esperienza e ciò che osservo negli altri con la loro esperienza di Bitcoin, insieme ad alcune variabili aggiuntive ipotizzate che potrebbero essere ricavate dalla letteratura di ricerca clinica. Certo, si tratta di una rappresentazione incompleta, ma è il mio primo tentativo di formulare psicologicamente come il Bitcoin possa essere un antidoto alla disperazione finanziaria. Non sto cercando di avviare un programma di ricerca, anche se altri potrebbero trovarlo utile. Tuttavia, credo che il concetto generale sia valido. Inoltre, non sarebbe sorprendente vedere effetti positivi in una o più di queste variabili facilitare gli effetti di ricaduta positivi negli altri (salute, relazioni, comunità, ecc.), cosa che accade abbastanza frequentemente nella pratica con la generalizzazione degli effetti terapeutici.

Ho letto da qualche parte che la cultura è la personalità di una nazione. Come molti di voi, sento che la nostra personalità culturale è scompensante, che è un vecchio termine psichiatrico usato per descrivere un crollo acuto di un efficace funzionamento psicologico. Tuttavia, se la gente vede che il nostro sistema monetario rotto può essere riparato o, almeno, che può avere una soluzione efficace per "uscire" in qualche modo o migliorare la propria situazione finanziaria a lungo termine, indipendentemente dalla corruzione e dalle manipolazioni del governo, allora potrebbe avere una speranza. In definitiva, la speranza agisce come un moltiplicatore di forza. Quale valore finanziario può essere generato da un Paese o da un mondo pieno di speranza? A un certo livello, la speranza è ciò che fa avanzare la civiltà. Quando si ha speranza, si ha tutto perché contiene tutto il potenziale futuro. Qual è il rapporto stock-to-flow della speranza? Io dico che la speranza deve continuare la sua costante ascesa, proprio come il bitcoin, indipendentemente dalle circostanze.

Risparmiare in Bitcoin dà una speranza individuale sulla loro situazione finanziaria personale e sul potenziale miglioramento collettivo del mondo in cui vivono. Ha la capacità di cambiare le aspettative sui probabili risultati, nel complesso, da negativi a positivi. Può migliorare l'autoefficacia per navigare con successo in un mondo complesso, pieno di buche e vipere. Può invocare una persona a pianificare il futuro, in quanto può aumentare l'intuizione finanziaria e trovare un impegno significativo in una comunità locale o virtuale. Trovare una qualche forma di successo ritardato a lungo può alleviare la vergogna per molti e migliorare i sentimenti di ansia e rabbia quando trovano che la dignità viene ripristinata. Questi benefici consentono anche un maggiore senso di autonomia personale nella direzione della propria vita e, se si è così inclini a farlo, possono portare a un maggiore contributo civico.

Non credo che risolva tutti i problemi, ma ha la possibilità di affrontare molte delle nostre attuali preoccupazioni temporali. Come ho letto articoli e interagito con FinTwit nella comunità Bitcoin, ciò che mi ha colpito di più è stata la speranza che questa tecnologia e questa comunità sembrano generare per trovare soluzioni e migliorare la vita di così tante persone. Io stesso ho sperimentato questa speranza per il mio futuro finanziario e per il futuro dei miei figli. Quindi, ho sentito che questo era importante e che avrei potuto contribuire in qualche modo. Questa cosa che stiamo vivendo insieme e per la quale speriamo vale sicuramente la pena di lottare.

Carl Rogers ha descritto una persona integrata come "unificata in se stessa a tutti i livelli e con una bassa discrepanza tra il sé presente e il sé desiderato". Il funzionamento ottimale di una persona si verifica quando i vari aspetti di una persona sono integrati in un'organizzazione relativamente armoniosa". Rogers è anche degno di nota per lo sviluppo di una terapia incentrata sul cliente che, soprattutto, ha il compito di trattare ogni persona con "incondizionata considerazione positiva". Questo principio del posizionamento terapeutico di Rogers è ora accettato come best practice standard in tutte le terapie psicologiche e costituisce la base degli approcci traumatologici recentemente codificati. È il massimo rispetto per la dignità e la sovranità di ogni individuo.

Perché questo stesso standard di dignità e sovranità non ci viene concesso nella gestione della nostra vita personale in ambito finanziario? Se non affrontiamo questo deficit della nostra personalità culturale, continueremo a persistere in uno stato di disagio e di disintegrazione. Penso che ci sia molto da guadagnare, man mano che progrediamo, rafforzando la filosofia e l'economia della Bitcoin con principi psicologici consolidati, risultati di ricerca ed etica. Spero di aver dimostrato, almeno in parte, che se dovessimo prendere i migliori aspetti della psicoterapia tradizionale e della moderna scienza psicologica per progettare un denaro che sia compassionevole, guaritore ed equo, che promuova la migliore opportunità per il benessere umano e il funzionamento psicologico ottimale, allora il Bitcoin è quel denaro. Ci si può anche chiedere se questa tecnologia sia una delle chiavi per la vera giustizia sociale che tanti cercano, ma continuano a fare diagnosi sbagliate perché i problemi fondamentali sono mascherati sotto i sintomi?

- Aaron Clendenin