BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


I libertari NON sono utopisti

Traduzione dell'originale di Aleksandar Svetski - Pubblicato il 26 ott 2020

Il libertarismo riguarda la libertà e la responsabilità individuale, radicata in una linea di valori coerenti e congruenti, che sono il più possibile rappresentativi della legge naturale.

Questa idea che il libertarismo sia una sorta di ideale utopico è completamente falsa.
L'utopismo è un ideale statalista o collettivista in cui le persone sono abbastanza arroganti da credere che la definizione di perfezione (a) esista, e (b) possa essere applicata in tutta la società e i singoli partecipanti come se fossero solo numeri su un foglio di calcolo, cioè ignorando completamente le differenze e le sfumature presenti in tutti gli esseri umani.

I libertari, almeno quelli veri, aborriscono questa nozione di Utopia. I veri libertari sono realisti, e spero che questo breve primo principio sui valori libertari e sul concetto di strutturazione della società a partire dal livello dell'individuo, aiuti a mettere le cose in chiaro.

Cercherò di essere breve. E' stato ispirato da una breve interazione su Twitter con un Bitcoiner, che ha fatto alcune domande che sono sicuro anche molti altri hanno fatto.

Cominciamo da qui:

Mascherine... sì, sì, sì, sì.
È da un po' che mi sentite parlare di questo, ma non è di questo che parlerò.
Quello di cui voglio parlare è il funzionamento delle società occidentali.
Purtroppo il nostro amico qui è un po' confuso, perché ciò che ha spinto la società occidentale è stata l'idea che l'individuo è sovrano e capace di fare una scelta, come persona libera, perché era capace di sapere cosa fosse meglio per lui.

Questo è in realtà riecheggiato in insegnamenti orientali come il tao te ching di Lao Tzu, che purtroppo è stato censurato in Cina grazie in gran parte alla filosofia più collettivista e orientata al potere dei confucionisti.

Gru ha ragione in un senso - non è più così che funziona la "società occidentale", che è una gran parte del motivo per cui è in decadenza. In realtà, questo decadimento è radicato nella rapida ascesa (soprattutto negli ultimi 200 anni) del collettivismo nella forma della società "pubblica", accanto all'erosione della proprietà privata e dell'individuo.

Quello che stiamo vedendo in giro per il mondo è il culmine di questo stupido esperimento, dove:

Quindi si'. Forse qui ha ragione - non è più così che funziona la società occidentale, ma di sicuro si discosta dalla premessa originale.

Il prossimo...

Ancora una volta, non sono d'accordo con questa nozione di idea teorica incompatibile con la realtà.

In realtà è l'idea più compatibile con la realtà e senza di essa gli Stati Uniti non sarebbero passati da una terra appena insediata alla più grande potenza economica del mondo nel giro di 100 anni, MOLTO prima che le statistiche o i federalisti prendessero il sopravvento.

In realtà, le idee libertarie originali degli Stati Uniti, che si possono ancora trovare nella Costituzione americana, sono rappresentative di questo, e l'inerzia che hanno dato a quella parte del mondo ha continuato a darle un vantaggio, nonostante tutti i danni fatti dalla "repubblica democratica" e dai collettivisti negli ultimi 200 anni.

Il motivo per cui ci siamo allontanati da questo è un argomento di discussione molto più ampio, ma basta dire che Davidson & Rees-Mogg lo spiegano molto bene in The Sovereign Individual, attraverso la lente della megapolitica e i relativi ritorni alla violenza.

In breve, l'avvento della tecnologia industriale e i vantaggi della centralizzazione su larga scala hanno fatto sì che lo "stato" pubblico fosse il modo più efficace per conquistare e accumulare potere, soprattutto con la minaccia della violenza di massa.

I "leader" più violenti sono stati in grado di formare dei monopoli, "votati dal popolo", e da allora l'umanità ha vissuto un esperimento strano ed evolutivo in cui tutti i sistemi, i processi, gli ambienti naturali, gli stili di vita, le diete, le informazioni e le opinioni sono stati omogeneizzati, standardizzati, sterilizzati e resi il più possibile privi di qualsiasi variante o vita.

Ma ahimè (almeno per i collettivisti), la natura è molto più antica dell'uomo, e la vita è troppo complessa da comprendere per le nostre piccole menti, e che tutta questa centralizzazione e globalizzazione porterà solo a un disfacimento nella direzione opposta.

Perché? Perché la vita è disordinata (rimuovi il disordine, rimuovi la vita), è impossibile combattere l'entropia, è impossibile gestire o prevedere la complessità, ed è impossibile combattere la realtà.

Mi sto facendo prendere la mano...
Andiamo avanti.

Non so voi, ma volontario significa che potete scegliere se farlo o meno. Non è una funzione a senso unico, quindi questa affermazione è falsa.

Quindi, nonostante alcuni paghino le tasse perché pensano che sia una buona idea (non sono sicuri di quali droghe stiano assumendo), per definizione non è un atto volontario.

E qui arriviamo al punto in cui mi sono buttato nella conversazione.
La mia risposta è qui sotto, ma l'ho aggiunta, quindi è spiegata meglio che in pochi tweet:

Sì, ma il libertarismo non è un'utopia. Si tratta di essere realistici e di sapere che la violenza esiste e che la persona che sa cosa sia meglio per te sei tu, non un qualche "stato" senza volto, senza nome e senza anima che pensa di poter applicare a tutti regole generali come se fossero numeri su un foglio di calcolo.

Non è così che funziona la realtà. La repubblica democratica (che è ciò a cui ti riferisci come "società", e non ci sono molte varianti di ciò che è una società) è un esperimento che sta andando molto male. Essa erode l'agenzia personale nel tempo e trasforma le persone in droni ciechi e numeri che credono che una qualche autorità onnipresente sappia come allocare al meglio le risorse per tutti, e quali regole (cioè le leggi) debbano essere applicate a tutti indipendentemente dalle loro differenze e preferenze individuali.

La vita dovrebbe essere disordinata. Non c'è una "regola unica" per tutti. Non si può dare per scontato che poche persone sappiano cosa è meglio per tutti e che sappiano come gestire tutto in modo efficiente. Questo è ingenuo da pensare ed è ulteriormente invalidato quando ci si interroga su come questa idea possa essere attuata in modo efficace o pratico tra le grandi popolazioni.

Ecco perché questa merda non funziona.

Il libertarismo non è un'utopia. Suggerisce di occuparsi prima di tutto delle proprie cose, di unirsi ad altri che condividono valori simili, di assumersi la responsabilità personale delle proprie decisioni e azioni, e con queste basi possiamo costruire una "società" più volontaria, funzionale e robusta.

Questo è effettivamente il modo in cui ci siamo evoluti MOLTO prima della nozione o della creazione dello "Stato" moderno o della repubblica democratica.

Spero che quanto sopra abbia senso.
Nel bel mezzo dei tweet, sono stato colpito da questo:

A cui ho risposto:

Certo!
Ma ci sono persone stupide ovunque che fanno proprie idee senza capirle profondamente
.

Questo è un dato di fatto. E il meccanismo correttivo NATURALE nella vita per uno scarso giudizio e una scarsa comprensione è in genere un cattivo risultato (nonostante l'esistenza degli stolti della casualità che hanno avuto fortuna).

I valori libertari fondamentali, però, suggeriscono che invece di passare il costo dello scarso giudizio di quella persona a tutti gli altri nella società, quella persona dovrebbe sopportarlo. Questo è il modo in cui migliorano e possono correggere il corso. Altrimenti si erode ulteriormente l'agenzia personale e la capacità dell'individuo di agire o di pensare da solo.

Questa è la strada verso la dipendenza e il benessere o lo stato comunista, dove l'incentivo ad essere un membro produttivo della società continua a diminuire, mentre l'aspettativa che qualcun altro ti dia merda per niente, a causa dei tuoi "diritti", continua ad aumentare.

Ancora una volta - questo tipo di società fallisce, e fortunatamente (almeno per noi) abbiamo avuto la possibilità di vederne la prova in Unione Sovietica e più recentemente in Venezuela (per non parlare degli innumerevoli altri Stati collettivisti falliti).

Poi ho ricevuto una strana risposta:

Non so come ci sia arrivato, ma spero che il mio commento sia stato chiarito.
E penso che sia un punto importante da sottolineare.

Le conseguenze sono il naturale meccanismo correttivo della vita!

E poiché l'individuo è l'elemento atomico (l'unico reale) costitutivo di una società, non può correggersi se è immune dalle conseguenze.

Inoltre, non c'è immunità alle conseguenze nel mondo reale!
Ogni azione ha una reazione e l'unica cosa che si può fare è spingere le conseguenze di un'azione su un'altra da sopportare.

Ciò che la repubblica o lo stato democratico fa in questo senso, è CONDIVIDERE le conseguenze delle azioni degli altri, con tutti gli altri.

Queste sono cazzate a grappolo. Se ho imparato a non mettere la mano nel fuoco, a non saltare da un ponte o a non buttarmi sotto un autobus, PERCHÉ dovrei sperimentare per sempre le conseguenze parziali delle cattive decisioni altrui per il resto della mia vita?

Non ha assolutamente senso. Ma è quello che succede quando l'individuo viene ignorato e sostituito con un collettivo immaginario.

Ora...concludiamo con l'ultimo commento che ritengo rilevante e la mia risposta, che spero aiuti a mettere i valori libertari in un contesto migliore.

L'idea che finiamo sempre "dove siamo ora" è palesemente falsa.

Ho risposto con quanto segue, che estrapolo brevemente qui di seguito:

L'attuale incarnazione dello "stato nazionale" è un esperimento moderno. L'idea di una proprietà pubblica gestita da funzionari eletti che non pagano mai le conseguenze delle proprie azioni è un intruglio moderno, che si disintegrerà perché non esiste nulla di simile nel mondo naturale.

Ha funzionato come metodo per guadagnare potere negli ultimi 2 secoli grazie al vantaggio ottenuto ricorrendo alla violenza. Questo vantaggio non è più forte come una volta, e continuerà a deteriorarsi man mano che la tecnologia frammenta il potere centralizzato.

Le persone che pensano che lo status quo sia "come è sempre stato" o "come sarà sempre" hanno generalmente un orizzonte temporale troppo breve.

Le istituzioni centralizzate, omogeneizzate e conformiste (che si tratti di governo, imperi, monarchie, ecc.) sono un'aberrazione storica. Sono anomalie che accadono di tanto in tanto, ma che falliscono ogni volta, soprattutto con il grado di centralizzazione & scala, perché più sono grandi, più diventano fragili & incapaci di adattarsi al cambiamento (cioè; mondo reale / vita reale).

Questo è un fatto assiomatico.

Ciò che diventa troppo grande e centralizzato domani si romperà e diventerà più piccolo e decentrato.

Infatti, piccolo e decentrato è in realtà il modo in cui la natura è sopravvissuta, si è evoluta e si è adattata nel corso di miliardi di anni. Noi esseri umani sembriamo essere abbastanza arroganti da pensare di essere separati dalla natura e di poter piegare la realtà alla nostra volontà senza subirne le conseguenze.

haha...idioti...

Comunque... ho proceduto a spiegare che questo esperimento statalista ha solo 200 anni su un arco di tempo di 150.000 anni, ed è quindi solo una piccola deviazione, come lo è la storia di 150.000 anni di homo-sapiens sulla progressione evolutiva multimilionaria in cui il primate è esistito sperimentando modelli e sistemi di interazione sociale.

I primati hanno provato di tutto.

Ora ne sappiamo abbastanza di letteratura antropologica e scientifica e possiamo affermare come fatto biologico che "l'ordine sociale" si trova solo nei gruppi di primati attraverso la tirannia o il territorio.

E qui sta la base della proprietà privata come imperativo biologico - non un costrutto sociale fatto dall'uomo.

Attualmente sto scrivendo un pezzo molto più lungo su questo (mi dispiace che dovrete aspettare), ma il punto centrale della questione è che il territorio (la proprietà privata) è il meccanismo di equilibrio della natura e si trova non solo tra i primati, ma tra tutte le specie che mostrano una qualsiasi forma di coesione sociale.

E come detto sopra, se non è territorio, è tirannia (esempio: i babbuini).

Gli umani, cioè; gli homo-sapiens, nonostante la nostra arroganza, sono specie territoriali con istinti e inclinazioni naturali che si sono evolute nel corso di centinaia di milioni se non miliardi di anni (a seconda di quanto lontano vogliamo supporre che la nostra evoluzione sia iniziata).

Siamo riusciti a sopravvivere perché ci siamo evoluti accanto a questo imperativo territoriale, e abbiamo sviluppato metodi più complessi per implementarlo nelle società che abbiamo formato nel tempo. Oggi, ancora una volta, stiamo sperimentando la tirannia come modello di coesione sociale. Sospetto che, ancora una volta, non andrà a finire bene, non solo perché è antitetica a una "buona vita", ma perché va a rotoli.

In chiusura

Se allungate il vostro orizzonte temporale, e capite come funziona la legge naturale, inizierete a capire che la "via libertaria" è in realtà l'unico meccanismo pratico con cui l'uomo si organizza perché assomiglia di più alla natura, e inoltre è la meno utopica perché presuppone che ci siano idioti e aggressori là fuori dai quali dovrete proteggervi (cioè, coloro che vogliono trasgredire o sconfinare nel vostro territorio).

In netto contrasto, l'idea di uno Stato-nazione democratico non è solo eticamente e moralmente incoerente, ma è una deviazione biologica e antropologica.

È diversa dalla natura o dalla legge naturale, ed è quindi destinata a fallire.

Un'ultima nota su Utopia:

Si trasformano sempre in distopie

I collettivisti, le statistiche e le mafie filodemocratiche che credono in ideali utopici immaginari sono quelli che finiscono per imporli agli altri.

Alcuni esempi includono:

E anche noi abbiamo molto più esempi di quanto necessario, seppur in chiave moderna, cioè: Clinton, Obama, Bush, Xi, Maduro, Lagarde e tutti gli altri statisti là fuori.

- Aleksandar Svetski