BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


Bitcoin diventa la bandiera della tecnologia

Traduzione dell'originale di Balaji S. Srinivasan - Pubblicato il 03 gen 2020

Bitcoin rappresenta la codifica esplicita di valori precedentemente impliciti della comunità tecnologica. Non è solo software: è un punto di Schelling e un simbolo. In quanto tale, sarà ampiamente riconosciuto come la bandiera della tecnologia nel corso degli anni '20.

Per comprendere questa affermazione, dobbiamo definire cosa sia "tecnologia", cosa significherebbe una "bandiera" in questo contesto e perché Bitcoin dovrebbe essere scelto come bandiera. Procediamo a turno.

Tecnologia: i valori alla base delle valutazioni

La tecnologia è la cultura che la Silicon Valley ha costruito ed esportato. È la comunità globale di fondatori, investitori, ingegneri e designer. Ed è il codice, le app, i prodotti e le aziende da miliardi di dollari. Ma soprattutto, sono i valori che sono alla base delle valutazioni.

Questi valori sono impliciti in termini comuni come MVP, adattamento al mercato del prodotto o labirinto di idee. E sono espressi per iscritto tramite libri popolari dalle persone più esperte nel campo della tecnologia. ‌

Ma di solito non sono articolati in modo definitivo. Se dovessimo enumerarli, scopriremmo che la tecnologia è internazionalista, capitalista, decentralizzata, iperdeflazionaria, collegata in rete, crittografata, digitale, volatile, ambiziosa e silenziosamente rivoluzionaria. Questi sono i valori della tecnologia.

Bitcoin (e più in generale le criptovalute) ci spinge oltre l'implicito esprimendo questi valori in un pezzo di codice che funge anche da veicolo di investimento. Il codice parla agli sviluppatori, il lato positivo fa appello agli investitori ei valori codificati al suo interno parlano a entrambi. Se credi in questi valori, tendi ad acquistare Bitcoin.

Bitcoin: una bandiera ideologica e uno Schelling point

Ricorda che non tutte le bandiere rappresentano un'entità geografica. Alcuni di loro rappresentano movimenti, come la bandiera Gadsen o la bandiera arcobaleno. Bitcoin diventa una bandiera in questo senso, come codifica dei valori di cui sopra della tecnologia. Una bandiera ideologica, più che geografica. Bitcoin diventa anche una bandiera in un altro senso: un punto di raccolta, un punto di Schelling per una comunità imprenditoriale.

Ricorda che uno Schelling point si verifica quando una comunità si coordina senza un coordinamento esplicito. L'esempio classico è quando due sconosciuti sanno che devono incontrarsi a New York City in un dato giorno, ma non gli viene detto dove o quando. Devono indovinare cosa farà l'altra persona senza comunicare con loro. La soluzione di equilibrio a questo è di solito "incontrarsi a mezzogiorno di fronte allo stand informazioni del Grand Central Terminal".

Allo stesso modo, se ci chiedessimo su cosa si coordinerebbero due persone a caso nella comunità tecnologica globale, iniziamo a scoprire che i tecnologi americani, cinesi e russi che altrimenti non sono molto d'accordo tendono a concordare sul fatto che Bitcoin sia prezioso.

Ad esempio, Jack Dorsey gestisce Twitter, Reid Hoffman ha fondato LinkedIn e Marc Andreessen e Peter Thiel sono nel consiglio di Facebook, ma tutti sono pro-Bitcoin. Allo stesso modo, il fondatore di Binance Changpeng Zhao e il fondatore di Telegram Pavel Durov sono rispettivamente cinesi-canadesi e russi espatriati e sono anche pro-Bitcoin. Paesi diversi, background diversi, ma convinzione condivisa nella valuta digitale.

È difficile convincere persone come questa a essere tutte d'accordo su qualcosa. Se ci pensi, la comunità tecnologica globale non si schiererà dietro Google, Facebook, WeChat o Yandex. Anche se un fondatore rispetta i prodotti che queste aziende hanno costruito, in quanto capitalista sono sempre consapevoli che ci può essere un disallineamento economico in un momento futuro. Ciò che è buono per Google potrebbe non essere sempre buono per te.
Ciò che i tecnologi tendono ad allinearsi sono (a) progetti open source in cui l'allineamento è meno materiale e (b) investimenti in cui l'allineamento è quantificabile. Bitcoin è entrambe queste cose.

Per quanto riguarda l'open source, l'analogia più vicina a Bitcoin potrebbe essere Linux. Come Linux, tutti possono trarre profitto da Bitcoin ma nessuno può corromperlo. Ad esempio, Google e Facebook sono forti concorrenti, ma collaborano su Linux perché è una zona smilitarizzata in cui una parte non può privare l'altra dei propri contributi. Microsoft potrebbe avere il proprio sistema operativo, ma anche Microsoft deve rispettare Linux al giorno d'oggi.

Allo stesso modo, anche all'interno della comunità crittografica - che si sovrappone ma non è identica alla comunità tecnologica - qualunque sia il progetto che qualcuno sta iniziando, è a conoscenza di Bitcoin, lo rispetta e probabilmente ne detiene un po '. Qualunque sia lo scambio che qualcuno sta eseguendo, avrà il supporto Bitcoin. Qualunque sia il tutorial sulla crittografia che qualcuno sta scrivendo, presumerà che l'utente sappia qualcosa su Bitcoin.

Bitcoin è quindi la prima scelta di molte persone e la seconda scelta di molte persone. Ciò significa che diventerà la prima scelta della comunità. Ecco perché Bitcoin è anche una bandiera nel senso di uno Schelling Point, qualcosa su cui radunarsi.

Bitcoin codifica i valori della Tecnologia

Ma quando la comunità tecnologica globale si raduna intorno alla bandiera di Bitcoin, cosa ci sta dietro esattamente?
Come notato sopra, sosteniamo che Bitcoin codifica i seguenti valori impliciti della tecnologia: internazionalista, capitalista, decentralizzato, iperdeflazionario, in rete, crittografato, digitale, volatile, ambizioso e silenziosamente rivoluzionario. Esaminiamo ciascuno di questi a turno.

- Internazionalista

Bitcoin e tecnologia sono entrambi intrinsecamente internazionalisti.

L'industria tecnologica potrebbe essere iniziata nella Silicon Valley, ma a questo punto è un fenomeno globale. Negli Stati Uniti, più del 60% delle aziende tecnologiche di maggior valore sono state fondate da immigrati di prima e seconda generazione. E con il 51% degli unicorni ora fuori dagli Stati Uniti, la tecnologia si estende ben oltre la Silicon Valley in tutti i paesi con una connessione Internet.

Lo stesso vale per Bitcoin. Milioni di trader di criptovalute sono distribuiti in tutto il mondo, ci sono migliaia di meetup di Bitcoin che si svolgono in centinaia di città e tutti i principali stati nazionali sono a conoscenza della criptovaluta.

- Capitalista

Bitcoin e la tecnologia sono entrambi fondamentalmente capitalisti.

Il settore tecnologico vero e proprio ruota attorno a imprenditori, angel investor, venture capitalist, M&A e IPO. La più ampia comunità tecnologica include anche ingegneri accademici e la comunità open source, nessuno dei quali è a scopo di lucro, ma entrambi sono molto più favorevoli al capitalismo rispetto alle loro controparti nei dipartimenti accademici di scienze umane e organizzazioni non profit tradizionali.

Allo stesso modo Bitcoin riguarda il capitalismo. È un registro delle transazioni. È un investimento speculativo. È la digitalizzazione del denaro. È una forma transnazionale di diritti di proprietà. Ha fornito ritorni di impresa. E codifica la storia di un'intera economia nella sua blockchain. In quanto tale è intrinsecamente capitalista.

- Decentralizzato

Bitcoin e tecnologia sono entrambi altamente decentralizzati.

Come ha notato di recente Benedict Evans, il bello dei monopoli tecnologici è quanti ce ne sono tra cui scegliere! Qualsiasi mappa di mercato di un settore tecnologico mostrerà la stessa cosa: una profusione di dozzine o centinaia di aziende in qualsiasi settore, tutte in lizza per diversi pezzi di mercato. Ci sono centinaia di milioni di siti web, quasi cinque milioni di startup su AngelList, migliaia di angel investor e centinaia di grandi società di VC. Non esiste una singola strozzatura nella tecnologia, nessun finanziere o piattaforma su cui devi schierare per avere successo.

Lo stesso vale per Bitcoin e più in generale per le criptovalute. Satoshi ha notoriamente progettato Bitcoin in modo tale che nessun singolo minatore potesse censurare le transazioni sulla rete e lo ha definito "completamente decentralizzato senza server o autorità centrale". Mentre c'è sempre molto da fare in termini di quantificazione e miglioramento del decentramento, l'ecosistema ha minatori, nodi, scambi, sviluppatori e investitori, ognuno dei quali ha interessi in competizione e (idealmente) nessuno dei quali ha il veto su Bitcoin.

Infine, c'è un altro livello di decentralizzazione: decentralizzazione tra monete. Ora ci sono approcci abbastanza diversi al consenso e alla privacy che è altamente improbabile che la criptovaluta come fenomeno possa mai svanire. Le vulnerabilità per il proof-of-work non sono le stesse di quelle per proof-of-stake, proof-of-stake delegato, proof-of-space e così via. È improbabile che una singola emissione possa ora estrarre tutte le monete e tutti gli scambi contemporaneamente. Almeno alcuni sopravviveranno. ‌‌‌‌

Pertanto, nello scenario peggiore in assoluto di un giro di vite globale sulle criptovalute in cui si scopre che lo stesso Bitcoin soffre di una vulnerabilità non risolvibile, possiamo aspettarci una migrazione parziale alle monete sopravvissute e un'importazione del registro Bitcoin in una delle catene sopravvissute. Il motivo è che il libro mastro Bitcoin è così altamente replicato e ha così tante parti interessate dietro di esso che è praticamente impossibile cancellarlo dalla terra. Verrà creato uno snapshot e ripristinato più e più volte, anche se la rete originale viene chiusa.

- Iperdeflazionario

Bitcoin e tecnologia sono entrambi agenti di iperdeflazione.

Il grafico più importante nella tecnologia è probabilmente la legge di Moore. Questa è una storia di iperdeflazione: se il numero di transistor su un circuito integrato raddoppia ogni due anni, il costo del calcolo si dimezza all'incirca nello stesso periodo. In altre parole, lo stesso dollaro domani acquisterà più potenza di calcolo di oggi, anche tenendo conto dell'inflazione.

E non è solo potenza di calcolo. Le aree che la tecnologia ha interrotto hanno visto precipitare i prezzi. Possiamo vederlo visivamente, se confrontiamo il numero di diversi componenti hardware sostituiti da un singolo iPhone. Possiamo vederlo quantitativamente, se confrontiamo il costo della navigazione su Wikipedia o Spotify con l'equivalente in enciclopedie fisiche o compact disc. ‌‌ E possiamo vederlo visivamente se confrontiamo la traiettoria a lungo termine dei costi nei settori che la tecnologia ha toccato ( televisori, software, telefoni) a quelli che non ha ancora interrotto (istruzione, sanità) .‌

Bitcoin è anche l'incarnazione dell'iperdeflazione. Non è solo che BTC è stato il miglior investimento degli anni 2010 e negli ultimi dieci anni è aumentato di ordini di grandezza rispetto al dollaro USA, anche se vale sempre la pena tenere a mente questo miracoloso grafico decennale.

È anche che Bitcoin rappresenta una forma di iperdeflazione complementare e diversa dalla legge di Moore. Se la legge di Moore riguardava la creazione di valore riducendo il costo di calcolo, Bitcoin riguarda l'acquisizione di valore proteggendolo dalla pressione inflazionistica. ‌

Alla fine, se Bitcoin raggiunge davvero il suo destino, useremo BTC come unità di conto. Si chiama iperbitcoinizzazione.

- Connesso in rete

Bitcoin e la tecnologia sono entrambi basati sulla rete.

Dire che la tecnologia si basa su Internet è ovvio. È anche ovvio dire che si tratta di social network, collaborazioni sciolte, associazioni non geografiche e algoritmi di routing. Ma l'implicazione a lungo termine di ciò è che la distanza geodetica tra due punti in un social network sta diventando più importante della grande distanza circolare tra due punti sulla superficie della terra.

Così anche con Bitcoin e più in generale con le criptovalute. Forse solo una persona su 100 sulla faccia della Terra detiene oggi Bitcoin, al massimo 50 milioni di persone. Nei primi giorni di Bitcoin era molto meno.

Ma erano effettivamente tutti insieme nella stessa stanza grazie a Internet. Non importava quanto fossero distanti geograficamente; facevano tutti parte della stessa idea, collegati tramite una rete di computer. Potrebbero parzialmente rinunciare alla valuta del loro paese (in base alla vicinanza geografica ai loro vicini) e parzialmente optare per questo nuovo mondo (basato sulla vicinanza ideologica a persone di mentalità condivisa).

La libertà di associarsi con chiunque, in qualsiasi parte del mondo sulla base di idee condivise attraverso una rete di computer è un valore fondamentale condiviso implicitamente sia dalla tecnologia che da Bitcoin che è radicalmente diverso dalle premesse dello stato della Westfalia.

- Crittografato

Bitcoin e la tecnologia si basano entrambi sulla crittografia.

L'industria tecnologica moderna esiste solo grazie alla crittografia su Internet. Senza SSH per le connessioni crittografate non ci sarebbero cloud, lavoro remoto, implementazioni. Senza SSL e HTTPS per la crittografia delle informazioni su carte di credito e bonifici non ci sarebbero e-commerce, società di pagamento, pubblicità e abbonamenti. L'infrastruttura ingegneristica e di pagamento fondamentale per creare ricchezza su Internet non esisterebbe.

Allo stesso modo, Bitcoin esiste solo a causa di decenni di lavoro nella crittografia teorica e applicata. Senza concetti come crittografia a chiave pubblica, firme digitali, hash e hashcash o implementazioni come SHA-256, RIPEMD-160 e secp256k1, Bitcoin non sarebbe fattibile. Le costruzioni crittografiche fondamentali richieste per rappresentare, trasmettere e salvaguardare la ricchezza attraverso il consenso di Nakamoto non sarebbero disponibili.

- Digitale

Bitcoin e tecnologia sono entrambi intrinsecamente digitali.

Anche questo è quasi troppo ovvio per sottolinearlo, ma negli ultimi trent'anni l'industria tecnologica ha digitalizzato libri, riviste, film, giornali, foto, lettere, pubblicità, musica, documenti, radio, televisione e ogni forma di media. La tecnologia ha anche digitalizzato cose che non pensavamo nemmeno come "digitali" negli anni '80, dai passaggi Fitbit alle impostazioni delle preferenze all'interno di un'app. E naturalmente la digitalizzazione ha sbloccato la possibilità di copiare un file, condividerlo, modificarlo, aggregarlo, fare apprendimento automatico su di esso e molto altro ancora.

Bitcoin e criptovaluta più in generale sono la fase successiva della digitalizzazione. Sebbene l'industria tecnologica avesse digitalizzato tutto ciò che non era scarso, fino al consenso di Nakamoto non avevamo una rappresentazione nativa della scarsità digitale. Soluzioni alternative come PayPal utilizzavano un database centralizzato per simulare la scarsità digitale, ma alla base si basavano su una serie di attori autorizzati con privilegi di root per garantire tale scarsità. La blockchain di Bitcoin ha cambiato tutto questo.

Una volta che le persone si sono rese conto che la blockchain di Bitcoin era un modo crittograficamente sicuro per rappresentare un database pubblico di chi possedeva valuta digitale, si sono presto resi conto che approcci simili potevano essere utilizzati per digitalizzare azioni, obbligazioni, materie prime, derivati, REIT, mutui, prestiti e ogni singolo tipo di attività finanziaria. Inoltre, come con la prima ondata di digitalizzazione guidata dalla tecnologia, saremo in grado di comporre questi elementi costitutivi della finanza digitale per creare nuove applicazioni. E stiamo anche procedendo alla digitalizzazione dell'identità, dei diritti di proprietà e, infine, della governance stessa.

- Volatile

Bitcoin e tecnologia sono entrambi altamente volatili.

Le startup sono volatili. Molte startup falliscono. I fallimenti sono comuni. Le post mortem sono comuni. Il fallimento non è ben accetto, ma è preventivato, accettato e possibile. Le VC sono tutte incentrate sulla legge del potere, in cui un singolo investimento può avere successo e pagare per tutti gli altri. Gli imprenditori persistenti a volte possono vincere alla grande. E il capitale paziente ea lungo termine ha la possibilità di ottenere rendimenti 1000 volte superiori.

Il motivo alla base di ciò è che la varianza aumenta con campioni di piccole dimensioni. Quando hai solo dieci dipendenti, una sola persona che lascia l'azienda può svuotare l'azienda. Al contrario, se hai solo dieci clienti e realizzi una grande vendita, quell'evento potrebbe aumentare i ricavi dell'azienda del 10%, attrarre un investimento chiave e portare al successo a lungo termine dell'impresa.

Bitcoin è altrettanto volatile. Il solo grafico dei prezzi mostra cali multipli dell'80-90% negli ultimi dieci anni. Il numero di startup Bitcoin fallite è legione. E lo è anche il numero di nuovi milionari Bitcoin. Bitcoin è, per molti versi, la prima startup al mondo per l'ipercrescita quotata in borsa. E sta esponendo milioni di persone alle vicissitudini della cultura delle startup, alle virtù della tenacia e della pazienza e allo svantaggio di smettere troppo presto e proclamare una morte prematura.

- Ambizioso

Bitcoin e tecnologia sono entrambi incredibilmente ambiziosi ma razionalmente.

L'ambizione dell'imprenditore tecnologico viene spesso derisa. Ma senza la convinzione di poter costruire un'astronave, creare un'auto elettrica, organizzare le informazioni del mondo o connettere miliardi di persone, semplicemente non avremmo le aziende che abbiamo oggi. La forza della tecnologia è l'ambizione realistica, l'ambizione razionale, l'ambizione basata su rischi calcolati e vantaggi quantificati.

L'ambizione di Bitcoin era nientemeno che lo sviluppo di una nuova valuta digitale per competere con il dollaro USA. Dieci anni dopo, è chiaro che ogni banca centrale e istituzione finanziaria del mondo ha sentito parlare di Bitcoin. Oggi, con l'esistenza di più dollari digitali su larga scala, la possibilità molto reale che la Cina possa potenzialmente lanciare una valuta digitale basata su blockchain e la posizione # 40 di Bitcoin nelle classifiche della capitalizzazione di mercato fiat, non è da pazzi dire che Bitcoin è cambiato il mondo - e potrebbe benissimo dare al dollaro una corsa per i suoi soldi.

Ma era assurdo pensare che Bitcoin potesse competere con il dollaro nel 2009. Era un pezzo di software pubblicato su una mailing list! Eppure nel primissimo scambio dopo che Satoshi ha pubblicato il white paper, era chiaro che Hal Finney e Satoshi erano selvaggiamente ma razionalmente ambiziosi. Hal ha calcolato uno scenario in cui ogni BTC valeva $ 10 milioni.

Data la supposizione ad arguendo che Bitcoin avrebbe funzionato a livello tecnico, ha fatto una stima di Fermi della valutazione basata su un insieme di premesse logiche. E una volta che la tecnologia di Bitcoin ha dimostrato di funzionare, e una volta che abbastanza altri hanno capito quelle premesse, BTC è arrivato a $ 10.000 nei primi dieci anni. Ovviamente, non sono ancora 10 milioni di dollari e un sostituto del dollaro USA, ma come si suol dire, il primo miliardo è il più difficile.

- Tranquillamente rivoluzionario

Ultimo, ma non meno importante, Bitcoin e la tecnologia sono entrambi silenziosamente rivoluzionari.

La tecnologia non ha sconvolto l'industria musicale, l'attività dei taxi o l'attività dei giornali attraverso l'attivismo politico tradizionale. Ha semplicemente costruito prodotti migliori che milioni di persone hanno scelto volontariamente di acquistare o utilizzare di propria iniziativa. E attraverso queste numerose decisioni tranquille, individuali e personali è stato operato un enorme cambiamento.

Allo stesso modo, Bitcoin non si tratta di realizzare il cambiamento attraverso l'attivismo popolare. È un fenomeno basato sulla rete che ha compiuto una rivoluzione nella politica monetaria attraverso un miliardo di azioni private piuttosto che stare all'angolo della strada a lanciare slogan. È silenziosamente rivoluzionario.

Cosa aspettarsi per il futuro ?

Abbiamo spiegato come Bitcoin (e crypto più in generale) codifica i valori impliciti della tecnologia. È internazionalista, capitalista, decentralizzato, iperdeflazionistico, connesso in rete, crittografato, digitale, volatile, ambizioso e silenziosamente rivoluzionario.

Credo che nel corso degli anni 2020, l'industria tecnologica finirà per allinearsi dietro Bitcoin e criptovaluta come parte di un più ampio riallineamento internazionale. La criptovaluta riflette simultaneamente molti valori americani fondamentali (come la libertà di parola, la libertà di contratto, la libertà di associazione, la protezione da perquisizioni e sequestri irragionevoli, il diritto alla privacy e così via), dimostrando anche un ampio richiamo internazionale a milioni di persone in tutto il mondo.

Questo riallineamento non sarebbe tradizionale destra contro sinistra, ma piuttosto terra contro cloud, stato contro rete, centralizzato contro decentralizzato, denaro nuovo contro denaro vecchio, internazionalista / capitalista contro nazionalista / socialista, MMT contro BTC e (forse più simbolicamente) Hamilton contro Satoshi. Il nuovo centro Americano potrebbe essere decentralizzato.

Ma questa è una storia per un'altra volta. Fino ad allora, ti lascio con questo.

- Balaji S. Srinivasan