BITCOIN IN ITALIANO

BLOG


Non sono richiesti nomi veri

Traduzione dell'originale su Gigi - Pubblicato su Citadel21 vol. 4

Nel 1981, in un momento in cui Internet era agli inizi (e io ero solo un barlume negli occhi di mio padre), il leggendario matematico, scienziato informatico e autore di fantascienza Vernor Vinge pubblicò la sua profetica novella True Names.

La storia si svolge in due regni: il mondo reale (meat space) e l'altro piano (cyberspace).

Leggendolo oggi, molti concetti inventati nel libro non sembrano né strani né inverosimili. Ad esempio, passare la parte migliore delle tue ore di veglia nel cyberspazio, un luogo in cui la maggior parte delle persone ti conosce con il tuo pseudonimo (e non con il tuo vero nome), potrebbe essere stata fantascienza negli anni '80. Oggi, grazie a Internet e all'abbondanza di mondi virtuali che ha generato, è una parte regolare della vita.

Non è un caso che Bitcoin sia stato creato da un'entità pseudonima.

La leggenda di Satoshi Nakamoto farà sempre parte della storia di Bitcoin, il che a sua volta significa che anche i concetti esplorati in True Names - identità, privacy, anonimato, pseudonimato - ne faranno parte.

Sono nato in una piccola città in Austria, una città che per il momento rimarrà senza nome. Vivevamo in un quartiere tranquillo e adatto alle famiglie, in una casa tranquilla e adatta alle famiglie, con un giardino, due gatti e splendidi susini, peri e ciliegi. I gatti furono chiamati "Mimmi" e "Morli", in linea con la tradizione familiare di raggruppare le cose dalla prima lettera. Essendo gatti, a loro non importava davvero se li chiamavi con il loro nome. L'unica cosa che avrebbero ascoltato era il dolce suono dell'apertura delle lattine Whiskas. Molto prima di apprendere che i gatti sono in qualche modo agnostici all'identità, ho dovuto imparare a dare un senso a questo mondo. Ho dovuto familiarizzare con le mollette con cui appendiamo le nostre idee. Ho dovuto imparare a parlare. Non so quando ho iniziato a chiacchierare, ma quando l'ho fatto, ho ripetutamente ripetuto una sillaba, ancora e ancora: dʒɪ.
Mia sorella, sia scherzosamente che amorevolmente, lo ripeté continuamente e così avvenne che mi diede un soprannome che rimase da allora: Gigi.

È divertente come vanno a finire alcune cose. Sono abbastanza sicuro che non ci abbia pensato molto al momento. Dopotutto, aveva solo cinque anni più di me. (Li ha ancora; non sono mai riuscito a recuperare il ritardo!) Dopo un pò, tutti i bambini del quartiere hanno iniziato a chiamarmi Gigi. Dato che questo avveniva in un momento precedente, avevo avuto la possibilità di pensare all'identità in qualsiasi modo, è venuto fuori che non mi sono mai veramente identificato con il mio vero nome. In sostanza, Gigi divenne il mio vero nome. Se non mi avessi chiamato così, non avrei reagito. Nel corso degli anni questo è diventato così persistente che praticamente tutti quelli che mi hanno conosciuto non hanno usato il mio nome legale: insegnanti, professori, miei datori di lavoro, colleghi, amici - anche oggi non è raro che le persone che mi conoscono abbastanza non conosco affatto il mio nome legale.

Su Internet, questo è normale. Conoscerai le persone, le loro manie, le loro personalità, cosa pubblicano, come reagiscono, in breve: come sono - almeno in una certa misura. Questo è ancora più pronunciato nel mondo dei giochi, dove entrano in gioco intense interazioni, comunicazioni vocali e una realtà condivisa. Nel corso degli anni ho avuto parecchi amici che considererei veri, veri amici. Amici che ho incontrato online, grazie all'incantevole mondo dei giochi online. Persone con cui ho parlato ogni giorno per diversi anni. Persone le cui storie di vita conosco intimamente e loro conoscono la mia. Abbiamo attraversato disagi e crepacuori, abbiamo parlato fino al sorgere del sole, ci siamo ubriacati, abbiamo condiviso segreti. La maggior parte di queste persone le ho incontrate nello spazio reale (meat space) in un secondo momento. Con alcuni, tuttavia, non mi sono mai incontrato fino ad oggi. Probabilmente non li incontrerò mai, ora che i miei giorni di gioco sono in gran parte alle spalle. E va bene così. Sono cresciuto in un mondo in cui nickname, handle, pseudonimi e anonimato sono la norma, e non lo farei in nessun altro modo.

Questo è uno dei motivi per cui amo Internet, ed è uno dei motivi per cui amo Bitcoin: non hai bisogno di un'identità fissa per usarlo.

Questo è il bello: non sono richiesti nomi veri.

Non sorprende che l'idea di anonimato e pseudonimia sia sotto attacco. Le persone cospirano nelle cacce alle streghe digitali per scoprire i Veri Nomi di personalità pseudonime, i troll minacciano di rovinare le persone e, purtroppo, anche i giornalisti minacciano di rivelare le vere identità dei loro soggetti in questi giorni. A peggiorare le cose, Google, Facebook e Amazon vogliono farti credere di avere una vera identità. Che puoi essere misurato, parametrizzato, monitorato e previsto. Promettono assistenza benevola grazie ad algoritmi che ti capiscono meglio di quanto tu capisca te stesso, tagliando la tua identità in pezzi ben confezionati e vendendoli al miglior offerente. Banche e governi fanno la stessa cosa, comunque - ma senza le promesse rassicuranti.

Ciò che queste aziende non capiscono è che l'identità è prismatica. La tua persona dipende dalle circostanze e dal contesto, sia nello spazio reale che online. Ti presenterai in modo diverso in un night club rispetto a un funerale, proprio come ti presenterai in modo diverso su Tinder rispetto a LinkedIn - almeno spero che lo faccia. Anche le persone con cui parli sono importanti: dirai cose diverse - e in tono diverso - a tuo figlio, al tuo amante, al tuo pastore, al tuo capo, al simpatico barista del tuo bar preferito o al collega che non sopporti. Inoltre non sei la stessa persona che eri dieci anni fa. I tuoi interessi e opinioni politiche sono probabilmente cambiati, così come il modo in cui vedi il mondo e te stesso. Pertanto, la tua identità è sia fluida che prismatica.

Nelle parole di Walt Whitman: tu contieni una moltitudine.

I cypherpunk hanno riconosciuto che una società libera non può funzionare se l'identità è rigida e nota a tutti. Una società libera richiede l'opzione di rivelarti selettivamente al mondo o di non rivelarti affatto.


“La privacy è necessaria per una società aperta nell'era elettronica. La privacy non è segretezza. Una questione privata è qualcosa che non si desidera che il mondo intero sappia, ma una questione segreta è qualcosa che non si desidera che nessuno sappia. La privacy è il potere di rivelarsi selettivamente al mondo."

Eric Hughes

La distinzione tra completo anonimato e pseudonimato è importante: l'anonimato elimina completamente l'identità. La pseudonimia consente identità temporanee. Potresti essere un gatto spaziale, un mago, un programmatore giapponese, uno Shaolin, un Samourai, un signore dei draghi o un polpo notturno che fa magie a mezzanotte. Gli pseudonimi ti consentono di costruire un personaggio, una reputazione, un'immagine di tua scelta. Anche l'anonimato completo è cruciale. Ti permette di parlare liberamente, libero da perdite di reputazione, disconnesso dalla tua identità - costruito o no.


“L'uomo non è il vero sè stesso quando parla nella sua stessa persona. Dategli una maschera e vi dirà la verità. "

Oscar Wilde

La storia ha dimostrato che nella società in generale e in Bitcoin in particolare, non è necessario utilizzare il proprio nome legale per essere riconosciuto o preso sul serio. C'è una ragione per cui Eric Arthur Blair non ha scelto di pubblicare i suoi libri con il suo vero nome, ma usa uno pseudonimo: George Orwell. Probabilmente anche Alisa Zinovyevna Rosenbaum aveva le sue ragioni: ha pubblicato i suoi romanzi come Ayn Rand. Allo stesso modo, Satoshi Nakamoto aveva buone ragioni per rimanere pseudonimo e non usare il suo vero nome. Ha scelto di proteggere la sua identità in modo da poter eventualmente rimuovere se stesso dalla scena, lasciando Bitcoin senza un leader e un creatore. Un dono degli dei, se vuoi.

Paradossalmente, gli pseudonimi possono essere più potenti dei Veri Nomi. Il miglior esempio di questo è probabilmente Siddhārtha Gautama - il Buddha. Si è trasformato in un'idea. Il Buddha non può essere ucciso, anche se uccidi la persona attualmente conosciuta come Buddha. Lo pseudonimo trascende l'individuo. Siamo tutti Buddha, almeno potenzialmente, almeno in parte.

Allo stesso modo, siamo tutti Satoshi. Ognuno di noi che si preoccupa di Bitcoin, lo spinge in avanti, educando gli altri, avviando e gestendo aziende, spingendo l'adozione, scrivendo codice, documentazione, libri e saggi, facendo musica, creando arte. Chiunque usi Bitcoin come lo ritiene opportuno. Tutti coloro che gestiscono un nodo. Tutti coloro che scelgono di uscire dal sistema Fiat e detengono parte (o tutto) del loro valore in bitcoin. Siamo tutti Satoshi perché nessuno è Satoshi. Stiamo tutti facendo la nostra parte per riparare il sistema economico e, a sua volta, riparare il mondo. C'era un Satoshi, ma ora non c'è Satoshi. Ha scelto di mantenere segreta la sua identità e spero che non scopriremo mai quale fosse il suo vero nome. Non importa: il suo dono per noi è tutto ciò che conta. Bitcoin ci è stato dato, e ora è... semplicemente. Non richiede un creatore identificabile perché non sono richiesti Nomi Veri.

Proprio come i nomi possono trascendere l'individuo e diventare qualcosa di più potente, una maschera può diventare un simbolo in sé. In tali casi l'utilità della maschera diventa secondaria: l'uso principale è mostrare supporto per una causa, radunarsi dietro un'idea o un ideale.

Una delle scene più potenti del film V for Vendetta è la marcia delle maschere in cui migliaia di cittadini marciano verso le Houses of Parliament, ascondendo i loro volti dietro le maschere di Guy Fawkes per sostenere l'idea proposta dal protagonista mascherato.

Non molto tempo fa, analogamente alla scena rappresentata nel film, un esercito di bitcoiner ha deciso di modificare (temporaneamente) le proprie identità online a supporto di un individuo (e l'idea che l'individuo incarna). Sto parlando, ovviamente, del nostro amato e pseudonimo gatto spaziale. Per un paio di settimane indossammo tutti una maschera. Per un paio di settimane siamo stati tutti hodlonaut.

Eravamo tutti hodlonaut perché il pensiero che uno pseudonimo pleb potesse essere distrutto, attaccato, tirato fuori e messo a tacere da stronzi ricchi e bugiardi era così scandaloso, così assurdo, così terribilmente sbagliato che valeva la pena alzarsi e indossare una maschera.

Dobbiamo essere in grado di dissociarci dalle nostre identità per proteggerci. Abbiamo bisogno della libertà di rivelarci selettivamente. Abbiamo bisogno della possibilità di radunarci dietro nomi, simboli, maschere e le idee che rappresentano - usando identità transitorie e indossando maschere noi stessi se dobbiamo. Se le identità sono permanenti e trasparenti, la ribellione e la rivoluzione sono impossibili.

La storia di nomi e identità è affascinante. Prima di cadere nella tana del bianconiglio Bitcoin ho lavorato su passaporti e software di identità, scrivendo in modo efficace software per lo stato di sorveglianza. Ci sono molte cose nella mia vita di cui non sono esattamente orgoglioso. Scrivere software per elaborare, identificare e classificare automaticamente le persone è uno di questi. Sì, la tecnologia che supporta il riconoscimento facciale, gli scanner di impronte digitali e la corrispondenza dei motivi è affascinante. Sì, il fatto che sia possibile estrarre informazioni dai passaporti semplicemente toccando il telefono su di essi è una tecnologia interessante (il piccolo simbolo del chip sul passaporto significa che contiene un chip NFC).
Ma è necessario? È anche una buona idea? Come probabilmente puoi immaginare, non credo lo sia.

La normalizzazione dell'idea di identità permanenti accelererà la trasformazione dei nostri stati di sorveglianza in panopticon distopici in piena regola.

La normalizzazione dell'uso della biometria renderà il tutto ancora peggiore. Sebbene scomodo dover cambiare il proprio nome. Vuoi cambiare il viso o le impronte digitali? Buona fortuna. Ricorda: la biometria è un nome utente, non una password.

Ma torniamo all'identità. Tieni presente che i passaporti dovevano essere una misura temporanea. Naturalmente, come è consuetudine per tutte le misure temporanee, i passaporti sono ormai parte integrante della nostra vita. Anche il modo in cui usiamo e vediamo i nomi è cambiato drasticamente nel tempo. Ora immaginiamo che ogni persona sul pianeta abbia un nome e un cognome e che questi nomi si adatteranno perfettamente al modello [a-Z] dei sistemi che li elaborano. Tuttavia, alcune persone non hanno cognomi. Altri hanno nomi che includono (o sono costituiti esclusivamente da) numeri e miliardi di persone hanno nomi che non si adattano affatto al sistema alfanumerico anglocentrico. Ci sono circa cento milioni di persone di nome , per esempio.

Storicamente, nomi e identità sono sempre stati intrecciati. Molti cognomi comuni derivano da professioni: Carter, Cooper, Thatcher, Smith, Tailor, Fisher, Glover, Slater, Shoemaker, Weaver, Ward, Webster - tutte queste e altre professioni sono diventate nomi di famiglia. Il tuo nome era una descrizione di ciò che fai, non definiva chi eri in modo completo.

I nomi legali, a proposito, non sono necessariamente meno strani di quanto possano essere i soprannomi. Grimes ed Elon Musk hanno deciso di nominare il figlio "X Æ A-12", per fare un esempio recente. Il ricercatore e matematico di intelligenza artificiale Ben Goertzel ha chiamato suo figlio "Qorxi", che è l'abbreviazione di "intelligenza razionale quantistica organizzata". C'è anche questo tizio che ha deciso di cambiare il suo nome legale in "Captain Fantastic Faster Than Superman Spiderman Batman Wolverine The Hulk And The Flash Combined", le figlie di Frank Zappa "Moon Unit" e "Diva Muffin" - e molti altri, ne sono sicuro.

Il punto è questo: legare tutto ciò che fai e ogni transazione che fai a un'unica identità non è solo non necessario, è una ricetta per il disastro.

È una strada che conduce alla distesa distopica dei punteggi del credito sociale - il sogno orgasmico di ogni dittatore e sovrano totalitario che sia mai vissuto.

Ricorda che, in primo luogo, non è mai stato necessario. Vai dal fornaio, saluti, gli dai un pò di soldi, ti passa una pagnotta e basta. I soldi non sanno chi sei. Nemmeno il pane. Il fornaio non deve sapere o preoccuparsi di chi sei. Non sono necessari nomi o identità. Confrontalo ora con qualsiasi pagamento online effettuato nell'ultimo decennio. Vai al negozio online - che probabilmente già conosce tutto di te e, in caso contrario, ti costringe a registrarti - ogni clic e ogni sequenza di tasti viene monitorata e analizzata. Una volta trovato ciò che stai cercando, paghi con PayPal, una carta di credito o processori di pagamento simili che sanno troppo di te. La transazione deve essere approvata da una terza parte e verrà approvata solo se la tua identità è nota e non offendi la moralità delle società e delle giurisdizioni coinvolte.

Bitcoin elimina tutte queste sciocchezze.

Vuoi più equità in questo mondo?
Che ne dici di optare per un sistema finanziario che non può discriminare. "Non essere cattivo" non funziona, quella che invece funziona è "Non puoi essere cattivo".

Bitcoin ci consente di costruire un futuro migliore. Un futuro in cui non sono richiesti Veri Nomi. Il sistema attuale non funziona sotto molti aspetti. Possiamo fare di meglio. Dobbiamo fare di meglio. Uno ad uno, le persone scopriranno la bellezza di Bitcoin e si uniranno a questa rivoluzione pacifica. Saranno liberi di usare i loro nomi reali se lo desiderano, ma non devono farlo. Questo è Bitcoin. Puoi rimanere anonimo. Puoi essere pseudonimo.
Questa è la bellezza.

Non sono richiesti nomi veri.

-Gigi